Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Morì nel tragico tamponamento, ma non fu colpa sua: scagionato Adrian, chiesto processo per autista carro attrezzi

Giovedì 22 Settembre 2022 di Redazione Padova
Adrian Chitoroaga, l'autista di Vigodarzere morto in A4. Non ebbe colpe nel tragico tamponamento

VIGODARZERE - Non ha avuto alcuna colpa Adrian Chitoroaga, l'appena trentaseienne di origine moldava ma residente da tempo a Vigodarzere, rimasto vittima di un tragico tamponamento tra mezzi pesanti un anno fa in autostrada a Desenzano (Brescia): il camionista è sì finito contro l'autoarticolato che precedeva il suo autocarro, ma solo dopo essere stato a sua volta tamponato con violenza e per ben due volte da un carro attrezzi sopraggiunto alle sue spalle e per il cui conducente adesso è stato richiesto il processo.
A conclusione delle indagini preliminari sul terribile sinistro, che ha anche bloccato per ore la circolazione, il pubblico ministero della Procura di Brescia, Elisabetta Carrea, ha chiesto il rinvio a giudizio per M.U., 48 anni, di Desenzano, per il reato di omicidio stradale e il Gip del Tribunale bresciano, Francesca Grassani, riscontrando l'istanza, ha fissato per il primo dicembre, presso il nuovo palazzo di Giustizia di via Gambara, l'udienza preliminare di un processo da cui la moglie, i due figli, un bambino e una bambina di appena dieci e nove anni, i genitori e il fratello di Chitoroaga, che sono tutti assistiti da Studio3A, si aspettano giustizia.

 

Il dramma si è consumato martedì 7 settembre 2021, alle 17,15, sull'autostrada A4 nel tratto Brescia-Padova in corsia est, direzione Venezia, tra i caselli di Desenzano e Sirmione, ed è stato ricostruito nei dettagli dall'ingegnere Cinzia Cardigno, il consulente tecnico a cui il sostituito procuratore ha affidato una perizia cinematica ad hoc per accertare la dinamica, le cause e tutte le responsabilità dell'incidente: alle operazioni peritali ha partecipato e ha fornito un contributo prezioso anche l'ingegnere Umberto Mariani come consulente tecnico di parte messo a disposizione da Studio3A-Valore spa, società specializzata a livello nazionale nel risarcimento danni e tutela dei diritti dei cittadini a cui, attraverso la consulente legale Alessia Paccagnella, si sono affidati i congiunti della vittima. Chitoroaga, che lavorava come autista per una lavanderia industriale del Padovano, stava eseguendo delle consegne e si trovava su un Renault Trucks di proprietà dell'azienda quando, nel territorio comunale di Desenzano, è scoppiato l'inferno e il suo veicolo è rimasto di fatto schiacciato tra l'autoarticolato che lo precedeva e l'autocarro condotto appunto dal 48enne.

Ultimo aggiornamento: 14:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci