Imam espulso: sosteneva la jihad e pestava la moglie se era senza velo

Sabato 4 Gennaio 2020
La Polizia espelle l'imam di Padova che sosteneva la jihad
13

PADOVA - Un imam di origini marocchine M.G., residente a Padova e legato al luogo di culto «Al Hikma», è stato espulso con decreto del ministro dell'Interno Luciana Lamorgese, per motivi di sicurezza dello Stato. L'uomo, 41enne era indagato per aver espresso apprezzamenti in favore del califfato di Al Baghdadi (l'Isis) e sostegno ai jihadisti che combattevano in Siria.

In questo contesto, è stato anche documentato come il cittadino marocchino avesse condiviso sul suo profilo Facebook diversi video di propaganda jihadista. Tra l'altro, nel 2018 sua moglie, anche lei di origini marocchine, lo ha denunciato per maltrattamenti e lesioni per le percosse subite ogni qualvolta si rifiutava di indossare il niqab.

LEGGI ANCHE Estremisti islamici, sette sorvegliati speciali nel carcere di Padova

L'imam è stato rimpatriato dalla frontiera aerea di Bologna per Casablanca. Si tratta del primo allontanamento nel 2020 di un soggetto ritenuto pericoloso per la sicurezza dello Stato. Salgono a 462 gli allontanamenti dal 2015 ad oggi, di cui 98 nel 2019 e 126 nel 2018.

ALLARME DALLA LEGA 
«Padova capitale dell'Islam radicale»

GLI ALTRI ESPULSI Le minacce dell'imam Jebali: «Vi uccideremo e mangeremo i vostri cadaveri»

L'uomo era entrato in Italia nell'ottobre 2006 ottenendo il permesso di soggiorno dall'Ufficio Immigrazione della Questura di Padova nel 2009 e attualmente era in possesso di un permesso di soggiorno di lungo periodo. Titolo che gli è stato revocato a seguito dell'espulsione. Il costante monitoraggio svolto dalla Digos di Padova sulle condotte rivelatrici di un'adesione all'ideologia jihadista, ha consentito agli investigatori di porre l'attenzione sul quarantunenne marocchino, portando alla luce elementi definiti «sintomatici di una visione violenta dell'islam da parte dell'uomo, antioccidentale, antisemita e di sottomissione delle donne».

Dall'attività d'indagine - spiega la Polizia - è emerso come l' imam avesse avuto un ruolo di primo piano nel processo di radicalizzazione di una donna italiana, indottrinata con modalità e contenuti dell'islam radicale, come l'applicazione della sharia e il costante timore di incorrere nella sfera di influenza di «Saitan». 

 

Ultimo aggiornamento: 5 Gennaio, 16:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA