«Mia moglie Patrizia guarita dal tumore, torniamo a sorridere dopo due anni di sofferenza». Il sindaco Piva e l'angoscia alle spalle

Venerdì 14 Gennaio 2022 di Nicola Benvenuti
Gianluca Piva con la moglie Patrizia Vignato

AGNA - «12 gennaio 2022: il destino può tornare a sorridere, anche quando è buio pesto, ma è importante fare la prevenzione». A dirlo è Gianluca Piva, 48 anni, sindaco al secondo mandato, rivolgendosi attraverso i social alla moglie Patrizia Vignato, 40 anni, rientrata mercoledì scorso al lavoro di assistente sociale dopo quindici mesi a casa. La coppia, che ha anche tre figli, Lorenzo, Giuseppe e Francesco, non ha mai fatto mistero della difficile situazione che si è trovata a vivere. «Patrizia, nel 2019, sottoponendosi ad esami di routine ha scoperto di avere dei valori non conformi, a seguito dei quali ha svolto approfondimenti che hanno diagnosticato la presenza di un carcinoma al seno» racconta Piva. «Come abbiamo provato sulla nostra pelle, l'ostacolo può nascondersi dietro l'angolo, la vita è anche questa. Quanta confusione, quanto affanno e quando il sole andava a dormire cresceva la paura di non farcela», aggiunge. Un periodo davvero complicato per la famiglia Piva, con terapie preventive, interventi chirurgici e ancora terapie allo Iov. «L'angoscia che non ci fosse più il nostro tempo, così come la poca voglia di parlare e non far capire la gravità della situazione ai nostri figli», prosegue il primo cittadino.

I SENTIMENTI
Il sindaco, che ha sempre dato una immagine di uomo tutto d'un pezzo, non si vergogna di mettere a nudo i suoi sentimenti: «La vita, da buona o cattiva maestra, ci può dare davvero tanti insegnamenti e che lezione ha dato soprattutto a me: a dare il giusto peso alle situazioni, alle persone, alle cose, ai sogni, a gestire certi rapporti, ad eliminarne altri. Il nostro destino, quanto è successo, mi ha prepotentemente ricordato quello che conta. A volte, troppo spesso, quello che conta ce lo facciamo scappare di mano» è il ragionamento che sgorga dall'esperienza della malattia della moglie. Patrizia poi, ad Agna e nel Conselvano è una sorta di testimonial della Lega Italiana per la Lotta ai Tumori, che in paese ha organizzato nei mesi scorsi diverse iniziative legate alla prevenzione. Così conclude Piva: «La vita ci passa accanto e noi non ce ne accorgiamo nemmeno. Posso dire che la famiglia è la cosa più bella, insieme alla presenza di Dio, oltre a pochi amici, quelli veri. Da questa esperienza dalla quale siamo passati con non poche fatiche traggo anche la conclusione che è quanto mai necessaria la prevenzione per tutte la malattie tumorali, ma non solo. Oggi voglio augurare questo a mia moglie: ora tu puoi ripartire Patrizia, ce l'hai fatta, in bocca al lupo».

Ultimo aggiornamento: 17:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci