«Vai ucciso», minaccia l'avvocato Ghedini. Per il gip è pericoloso ma resta a piede libero

Lunedì 2 Agosto 2021
«Vai ucciso», minaccia l'avvocato Ghedini. Per il gip è pericoloso ma resta a piede libero
3

PADOVA - Minacce all'avvocato Niccolò Ghedini da parte di un praticante avvocato di Avellino, nonostante sia ritenuto un soggetto pericoloso e il gip abbia stabilito che venga detenuto un una Residenza per l'esecuzione delle misure di sicurezza, l'uomo è ancora a piede libero: nella struttura non c'è infatti posto.

Le minacce risalgono al gennaio scorso: «Sei uno sporco mafioso, vai ucciso, eliminato militarmente e i suoi beni confiscati. Ti sparerò alla nuca». Sono state queste le minacce nelle lettere all'indirizzo del legale di Berlusconi ed ex politico di FI. In una lettera anche un cenno all'ex presidente del Consiglio e capo di Forza Italia: «Datemi la testa di Berlusconi, sanguinante e fresca su un piatto».

Il mittente delle minacce non ha mai conosciuto l'avvocato Ghedini e non si è mai avvicinato allo studio, ma ha precedenti specifici e denunce. Il gip di Padova nel corso di un incidente probatorio ha stabilito che l'uomo è affetto da gravi deficit ed è potenzialmente pericoloso. Come misura cautelare deve essere detenuto in una Rems (Residenza per l'esecuzione delle misure di sicurezza) in cui sono affetti gli imputati affetti da disturbi mentali. Ma a quanto pare in queste strutture non vi è spazio per lui ed è pertanto tutt'ora libero. L'avvocato Ghedini non ha voluto commentare la vicenda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA