Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

I ladri svaligiano la casa in piena notte: anziano e cane narcotizzati

Malviventi entrati in camera da letto: l’uomo e l’animale non si sono svegliati

Domenica 17 Luglio 2022 di Lorena Levorato
I cassetti aperti dai ladri
1

VIGONZA - Ladri in azione in piena notte in casa: narcotizzato l’anziano proprietario. In stanza con lui anche il cane che non si è svegliato. Due colpi sono stati messi a segno la scorsa notte a Busa di Vigonza, in via 2 Giugno e in via Padova, a pochi metri di distanza l’uno dall’altro. «Hanno rotto la serratura del cancello – racconta Mauro Ruzza, il genero dell’anziano - trapanato una finestra, e poi fermato la tapparella con una molletta per il bucato. Ma la cosa peggiore è che devono aver narcotizzato mio suocero perché non si è svegliato e non si è accorto di nulla. Nemmeno il cane, che dormiva in camera con lui, ha avuto qualche reazione. Hanno rovistato dappertutto e alla fine hanno rubato 50 euro dal portafoglio che poi hanno abbandonato sul davanzale della finestra».

L'allarme

Fortunatamente l’anziano sta bene, a parte uno strano sapore amaro in bocca che fa ipotizzare l’uso di qualche spray o sedativo che i malviventi potrebbero aver fatto inalare all’uomo mentre dormiva. «Papà sta bene ha solo questa particolare sensazione ed un po’ assonnato – dice la figlia - Devono aver spruzzato qualcosa anche al cane perché nemmeno lui si è svegliato. É difficile che non abbia avvertito alcun rumore, tanto più che i ladri hanno aperto anche i cassetti del comodino. Che rabbia: essere in balia dei ladri, in piena notte, a casa propria, mentre si dorme». Ad accorgersi del furto è stato lo stesso anziano che, verso le 4.30 del mattino si è svegliato per andare al bagno e si è trovato tutte le finestre spalancate e i cassetti aperti e ha capito di essere stato derubato. L’uomo ha subito avvisato la figlia e il genero che sono in montagna.

Il rientro

«Ci siamo vestiti e siamo corsi a casa – racconta ancora il genero - Una volta arrivato abbiamo scoperto che poco prima avevano già fatto un furto a casa dei vicini, portando via una borsa. Da loro sono entrati in camera da letto dove dormivano ben due persone e nemmeno loro hanno sentito nulla. Direi, comunque, che a mio avviso si tratta di ladri di poco conto: si sono mangiati anche dei cioccolatini che hanno trovato in giro e la refurtiva è di appena 55 euro ed una borsa di poco valore». Il secondo furto è stato commesso in una casa in via Padova, a pochi metri di distanza da via 2 Giugno, con all’interno i proprietari. Rubati anche alcuni monili di oro.

Ultimo aggiornamento: 08:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci