Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Padova, raccolte 2000 firme per fermare i fuochi in Prato della Valle: «100mila euro sono troppi»

Sabato 16 Luglio 2022 di L.M.
Padova, raccolte 2000 firme contro i fuochi in Prato della Valle: «100mila euro sono troppi»
4

PADOVA - Quasi 2000 firme e una proposta: un grande show culturale al posto dei fuochi. Ad una settimana dal lancio della campagna d'opinione sul sito www.bastafuochi.it non si fermano le adesioni per chiedere all'amministrazione comunale di rivedere la decisione di finanziare con oltre 100mila euro lo spettacolo pirotecnico in Prato della Valle.

Padova, ​2000 firme contro i fuochi in Prato della Valle

«Occorre una svolta - spiega Giuliano Pisani, ex assessore alla cultura e consigliere comunale - L'idea che vogliamo donare alla città è un evento che sostituisca i fuochi con una grande narrazione sulla storia di Padova. Magari distribuita su più serate e con un nome di gran richiamo. Volendo si può fare già quest'anno e sicuramente si può ideare compiutamente per il prossimo. Uno spettacolo, con platea seduta permetterebbe di controllare meglio gli assembramenti in un momento in cui non si può abbassare la guardia sul fronte dei contagi da Covid. E poi sarebbe molto più rispettoso del luogo e degli animali che finalmente non sarebbero più vittima dei fuochi». La siccità attuale impone di valutare l'impatto delle polveri sottili causate dai fuochi.

«Una decisione secondo noi sbagliata su cui l'amministrazione comunale ha messo 117mila euro - aggiunge Marco Carrai presidente dell'associazione Orizzonti che promuove la raccolta firme - e le migliaia di sottoscrizioni arrivate online in così poco tempo ci conferma che c'è una sensibilità etica e culturale in città che dice basta a questo tipo di manifestazione sempre più stanca e povera di ricadute per la città. Mi paiono difficili da giustificare gli oltre 100mila euro a fronte di qualche gelato consumato in centro storico. Chiediamo all'amministrazione comunale di fare un salto di qualità».

Ultimo aggiornamento: 12:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci