Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Fondi del Pnrr, il Veneto punta tutto sulla Salute. Ecco la nuova torre a Padova

Domenica 26 Giugno 2022 di Alda Vanzan
Fondi del Pnrr, il Veneto punta tutto sulla Salute. Ecco la nuova torre a Padova

PADOVA - Fondi del Pnrr, è la salute il progetto bandiera della Regione Veneto. Si chiama La Rinascienza e contempla ricerca, servizi, diagnosi. In sintesi: la scienza al servizio del cittadino. Il tutto per un investimento di oltre mezzo miliardo di euro da qui al 2026. Dove? A Padova, dove nell'ambito del nuovo Polo della Salute, in costruzione a San Lazzaro, sarà realizzata una torre innovativa anche dal punto di vista architettonico. Si chiamerà Innovation Hub. E sarà una punta di diamante per la ricerca medica, un progetto all'avanguardia a livello europeo.


Dunque, non l'idrogeno, non la mobilità, ma la sanità. È sulla salute dei propri cittadini che la Regione del Veneto vuole puntare utilizzando i fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza. Va ricordato che al Veneto (inteso come regione, non come ente) sono stati per ora assegnati 2,7 miliardi e che alcuni comparti non sono più finanziabili (un esempio su tutti, le strade, ma anche l'inceneritore di Fusina). Le proposte progettuali decise da Palazzo Balbi sono 16, per un fabbisogno finanziario totale di 7.831 milioni di euro, quindi ben più della somma assegnata dal livello centrale. Si va dalla casa digitale dei veneti (una formula che comprende in particolare il supporto alla digitalizzazione dei piccoli comuni, per un fabbisogno finanziario di 20 milioni di euro) alla space economy (41 milioni) fino a Venezia capitale mondiale della sostenibilità (2.685 milioni). Ma nessuno dei 16 progetti presentati quattro mesi fa sarà quello bandiera. La punta di diamante del Veneto è infatti il progetto La Rinascienza, che dopo il 2026 dovrà avere autonomia finanziaria, e che si inserisce prevalentemente nell'ambito della Missione 6 del Pnrr (Salute), coinvolgendo anche la missione 1 (Digitalizzazione), la Missione 2 (Rivoluzione verde e transizione ecologica), la missione 4 (Istruzione e ricerca) e la missione 5 (Inclusione e coesione). Lo scopo: migliorare lo stato di salute della popolazione e della qualità di vita del cittadino attraverso lo sviluppo di tre ambiti di ricerca.


SALUTE DIGITALE
Oggi la tecnologia consente di misurare quanti passi fa una persona, ma anche cose più sofisticate come monitorare il tasso glicemico, il battito cardiaco e spedire automaticamente queste informazioni ad applicazioni contenute nel cellulare o direttamente ai servizi di medicina a distanza. Il primo ambito di ricerca del progetto La Rinascienza, all'interno della torre che sarà realizzata a Padova, sarà proprio quello dell'Health Tech, la salute digitale, cioè quell'insieme di tecnologie utilizzate prevalentemente per l'organizzazione di sistemi e servizi sanitari, per la prevenzione e il monitoraggio del paziente.


LA CURA
Il secondo ambito di ricerca sarà quello della cosiddetta Med Tech, cioè la tecnologia generalmente utilizzata per la diagnosi, per la cura del paziente e per il trattamento. Viene di solito utilizzata all'interno degli ospedali - spiegano in Regione - ed è orientata più alla diagnosi e al trattamento anziché alla prevenzione. MedTech comprende l'attrezzatura nelle sale operatorie, macchinari, strumenti e i software che li regolano. Questa tecnologia aiuta a ricevere un miglior trattamento, una diagnosi più accurata e veloce, una chirurgia più sicura e meno invasiva. Ne fanno parte gli strumenti più disparati: i termometri, il laser chirurgico, le protesi, i respiratori, gli stetoscopi, i guanti chirurgici, la risonanza magnetica nucleare, le braccia robotiche. Ma fanno parte di MedTech anche innovazioni spinte quali ad esempio gli stent rivestiti di farmaci a lento rilascio per la prevenzione di trombi o i microimpianti per il monitoraggio o per la diagnostica. Ma anche le biopsie liquide, ovvero un prelievo di sangue venoso sul quale possono essere eseguite analisi molecolari quando non è possibile disporre di tessuto tumorale.


LE BIOTECNOLOGIE
Infine, il terzo ambito di ricerca del progetto bandiera della Regione riguarderà le biotecnologie. BioTech & Pharma(ceuticals) biotecnologie (BioTech) indicano qualsiasi applicazione tecnologica che utilizza sistemi biologici, organismi viventi o loro derivati, per realizzare o modificare prodotti o processi per un uso specifico. È stato deciso che l'oggetto di ricerca del progetto La Rinascienza sarà rivolto a biotecnologie che non utilizzino mRna o terapia genica del costituendo centro per la terapia genica e piattaforma mRna coordinata dall'Università di Padova; al contrario verrà favorito un rapporto sinergico tra i due poli di eccellenza. La creazione di tale struttura sarà collocata nella Innovation Tower a Padova e costituirà un incubatore di idee che sceglierà le migliori innovazioni in ambito biomedico su scala mondiale a beneficio della salute del cittadino.
 

Ultimo aggiornamento: 28 Giugno, 09:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci