Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Febbre Dengue, un caso nel padovano: 50enne rientrato dal Centroamerica. Disinfestata la strada dove abita

Venerdì 29 Luglio 2022 di Redazione Web
Sede dell'Ulss 6 a Padova

PADOVA - Dopo la West Nile, ecco che nel Padovano arriva anche la febbre Dengue, detta anche "febbre spacca ossa". Si registra un caso in provincia, un 50enne appena rientrato dal Centroamerica, preso in carico dall'Ulss 6 Euganea. «D'intesa con la locale amministrazione - fa sapere attraverso una nota l'azienda sanitaria - si procederà domani mattina (30 luglio, ndr) alla disinfestazione con lotta larvicida nella pubblica via e adulticida e larvicida nelle abitazioni; domani notte adulticida nella pubblica via, in entrambi i casi il raggio d'azione è di 200 metri attorno alla casa dell'uomo. La zanzara tigre, infatti, se punge un soggetto contagiato, può a sua volta contagiare altre persone». Si tratta di una disinfestazione straordinaria attivata dal Dipartimento di Prevenzione dell'Ulss. La febbre Dengue provoca mal di testa, dolori alle ossa e rash cutaneo e può evolvere in forme severe.

Ultimo aggiornamento: 19:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci