Ex carabiniere ucciso in Brasile, presi gli assassini: volevano decapitarlo

L'ex carabiniere Mario Simone

di Gabriele Pipia

PIOVE DI SACCO - «Lo hanno ammazzato per una vendetta. Volevano rapinarlo, ma lui ha reagito. E allora hanno scelto di farlo fuori». I familiari di Mario Simone ripetono questo concetto da due mesi, senza darsi pace per un omicidio tanto violento. Ora la tesi della vendetta è confermata anche dagli investigatori, che hanno identificato i quattro assassini scoprendo ulteriori cruenti dettagli: il piano prevedeva infatti che la vittima dopo essere stata uccisa fosse addirittura decapitata. Mario Simone è un ex carabiniere pugliese, in servizio a Bagnoli, Conselve, Piove di Sacco e Rovigo tra il 1988 e il 2006. È stato ucciso lo scorso 20 novembre, vittima di un agguato nella città di Igarapè, nel nord del Brasile, dove si era trasferito da dieci anni dopo essersi congedato dall’Arma. Gli hanno sparato e lo hanno pure torturato, tranciandogli due dita con un machete. Fin da subito la famiglia ipotizzò la pista della vendetta: un anno e mezzo prima Simone si era trovato faccia a faccia con dei malviventi nella propria abitazione, reagendo alla rapina e mettendo in fuga i banditi. A novembre la notizia della sua uccisione suscitò grande clamore anche nella Bassa Padovana e nella provincia di Rovigo, dove Simone è ricordato da molti colleghi e vecchi amici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 13 Febbraio 2018, 06:30






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Ex carabiniere ucciso in Brasile, presi gli assassini: volevano decapitarlo
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 20 commenti presenti
2018-02-13 18:13:30
Se avesse reagito alla rapina,gli avrebbero semplicemente sparato.Se volevano decapitarlo c'era probabilmente altro di cui non siamo a conoscenza.
2018-02-13 15:41:50
Ma questo, dopo essersi congedato giovanissimo dai Carabinieri, in Brasile come si manteneva? Che lavoro svolgeva? Tutto limpidissimo e senza ombre? Davvero?
2018-02-13 15:12:51
Pochi sanno che il Brasile e' uno dei paesi al mondo dove c'e'ul altissimo grado di violenza. Ci sono stato 4 volte la'. E' un paese enorme e bellissimo, ma e' pieno di violenza. Sui giornali e nei tg ogni giorno sparatorie, rapimenti, reapine a mano armata in pieno giorno con la polizia che non ci mette un secondo a spararare in pieno centro a Copacabana. In tv ci sono almene 2 o 3 trasmissioni, tra cui "Brasil urgente", in cui si parla solo di delitti e rapine e sparatorie in diretta, specie a Sao Paolo, a Rio de Janeiro e Salvador da Bahia.
2018-02-14 11:25:41
Beh in Campania in 27 anni 3600 morti ammazzati, nella sola Foggia 200 in 30 anni per non parlare di accoltellamenti e di baby gang a Napoli.
2018-02-15 13:00:06
Bhè si stiamo li non è vero? In Brasile ci sono + di 60.000 omicidi l'anno mentre in Italia appena 397 nel 2016 e 343 nel 2017... Comparando il numero di abitanti l'Italia dovrebbe avere circa 19.000 omicidi l'anno per essere considerata violenta come il Brasile. Ho vissuto 7 anni in Brasile, la peggiore città italiana è un paradiso in confronto al Brasile.