Incentivi (una mensilità in più) per chi fa figli: Eurointerim premia i 31 nuovi genitori

Incentivi (una mensilità in più) per chi fa figli: Eurointerim premia i 31 nuovi genitori
PADOVA - La società Eurointerim, agenzia per il lavoro, ha  realizzato incentivi per favorire la natalità: a ogni dipendente dell'azienda,  è stata riconosciuta una mensilità di stipendio in più per la nascita di figli.

Secondo la società la natalità tra dipendenti (anche i "controllati") ha portato ad un aumento del 30% di fiocchi rosa e azzurri. L'incentivo di welfare aziendale, caso raro in Italia, ha dato - secondo Eurointerim - risultati più che soddisfacenti tra i 7mila lavoratori tanto che si sono registrate dalle 35 nuove nascite del 2017 ben 44 nuovi arrivi nel 2018 e già 13 nei primi mesi del 2019. Da giugno 2018 il premio di una mensilità è stato consegnato a 31 mamme o papà.

Proprio per festeggiare i nuovi bebè, sabato  nella sede padovana della società verranno festeggiati genitori e nuovi arrivati e consegnare i nuovi premi.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 23 Maggio 2019, 10:43






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Incentivi (una mensilità in più) per chi fa figli: Eurointerim premia i 31 nuovi genitori
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2019-05-24 03:04:59
Date una mensilità in più a chi ha in famiglia persone anziane, cani o gatti. Incentivare la nascita di bimbi fa gola solo ai furbi approfittatori.
2019-05-24 14:54:24
è un premio elargito da un privato imprenditore verso i suoi dipendenti...con i suoi soldi può fare quello che meglio crede.
2019-05-23 19:13:51
Onore al merito, ma! Il problema non è una mensilità in più è il dopo quello che molti datori di lavoro non ne vogliono sapere e fanno in maniera che ti autolinìcenzi. Già perchè in Italia i diritti sono solo scritti sulla carta, nessuno vigila e a nessuno interessa nulla, a meno che non ci sia in vista una campagna elttorale e si promettono mari monti e soldi. Prendimo un esempio, in Azerbaigian, non cero germania francia olanda danimarca e via di questo passo dove ci si aspetta un walfare di livello. Dicevo in Arzebaigian la madre gode per legge dopo il parto di un anno si (1 anno) di permesso retribuito per rimanere a casa con il bambino. Vengono comunque pagati gli assegni familiari ed il rientro al lavoro è accopmagnato da permessi ed altro. Se poi parliamo di un altro stato europeo la Danimanrca basta leggere in internet si trova tutto basta masticare un po' di inglese. Dpo aver letto questo andate a vedervi cosa spetta per legge in Italia e come alcuni, la maggiornaza dei datori di lavoro applicano le norme. Poi va beh una mensilità meglio che un calcio sulle palle ma se mi serve un oriari differenziato? se ho bisogno di permessi a si ti prendi malattia bambino non pagata nella stragande magioranza delle aziende e recuperi anche i giorni di assenza ai fino pensionistici. Già basta rispariare quel famoso mese preso 50 anni prima, pechè la pensione si e no la vedi a 70 anni.
2019-05-23 17:57:35
Bella storia. Ma andrebbero visti i dettagli. Nel settore pubblico una maternita' dichiarata a rischio puo' implicare mesi e mesi di congedo pagato, cui si aggiungono garanzie accessorie per allattamento, congedi parentali, malattia bambino in cui il posto di lavoro e' (giustamente) garantito e la paga arriva regolarmente. Ma nello stesso contesto lavorativo, se hai un contratto di formazione o se sei precario o "libero professionista" tutte queste tutele svaniscono. Nel privato e' anche peggio. Ben venga l'iniziativa dell'azienda, ma ci sono lavoratrici piu' fortunate che da sempre usufruiscono di "diversi mesi" di stipendi "gratis" che le colleghe si sognano.
2019-05-23 14:38:57
Quello che mancava al nostro pianeta. Altri umani.