A Padova la 50. edizione dell'Esposizione Felina: in passerella gatti da tutto il mondo

Venerdì 18 Gennaio 2019 di Federica Cappellato
A Padova la 50. edizione dell'Esposizione Felina: in passerella gatti da tutto il mondo
4

Oggi e domani nei padiglioni della Fiera, la 50. edizione dell'Esposizione Felina con animali provenienti da tutto il mondo: da quelli del Bengala agli americani fino ai russi Kurilian. Due giorni di sfilate e passerelle di bellezza.

LA MANIFESTAZIONE
«Non c'è nulla di più dolce, nulla che dia alla pelle una sensazione più delicata, più raffinata, più preziosa del pelo tiepido di un gatto». Ne era convinto Guy de Maupassant e pure Ernest Hemingway gli amici dalle quattro zampe, le sette vite, il numero imprecisato di vibrisse e l'innata capacità di fare le fusa, li amava assai, convinto com'era che ai gatti «riesce senza fatica ciò che resta negato all'uomo: attraversare la vita senza far rumore». Faranno invece  chiasso, se non altro per la loro abilità a padroneggiare la passerella, quelli più belli del mondo. I gatti del Bengala imparentati con il leopardo asiatico, quelli americani - American Curl - che hanno le orecchie arricciate all'indietro, i russi Kurilian Bobtail (dell'omonimo arcipelago) che presentano la curiosa coda a ponpon, il chiacchierone americano Snowshoe (incrocio tra Siamese e American Shorthair bicolore) dalle zampette bianche e dagli occhi blu intenso, le bambole di pezza - Ragdoll, i giganteschi Maine Coon statunitensi e i canadesi gatti nudi Sphinx: sono solo alcune delle tante razze di gatti che domani e domenica daranno il meglio di loro al padiglione 15 della Fiera di Padova, rappresentando così l'universo coi baffi alla 50. Esposizione Internazionale Felina.
IN GARALo storico concorso di bellezza padovano che si preannuncia come la sfilata di circa 500 tra i gatti più belli del mondo, metterà venti ore a disposizione del pubblico per vedere da vicino molti bellissimi gatti di razza pregiata, tra cui campioni nazionali, internazionali e rarità; e per assistere alle selezioni da parte di quattro giudici stranieri e alle premiazioni dei migliori esemplari, con un Best of Best sabato pomeriggio e uno domenica. Tra le razze presenti in gara si segnalano: Esotici, Persiani, Scottish Fold, Scottish Straight, British, Ragdoll, Blu di Russia, Bengal, Sacro di Birmania, Snowshoe, American Curl, Kurilian Bobtail a pelo lungo e corto, Maine Coon. E ci saranno naturalmente anche i gatti di casa (di età superiore ai 4 mesi) che partecipano a una gara specifica per loro. E sarà proprio questa competizione di Padova organizzata dal Movimento Azzurro (ecosezione veronese dell'associazione di protezione ambientale), ad inaugurare il calendario 2019 dell'Enfi (Ente Nazionale Felinotecnica Italiana) alla presenza di allevatori provenienti da tutta Italia.
LO SHOWApertura al pubblico alle 9.30 in corrispondenza con l'avvio dei giudizi, mentre il Best in Show avrà inizio attorno alle 16 e si chiuderà con la proclamazione dei migliori gatti sia domani sia domenica essendo due le competizioni. Il programma prevede, domani, lo Speciale British Longhair & Shorthair, mentre domenica si svolgeranno lo Speciale Scottish & Highland e lo Speciale Maine Coon. Prestigiosa la giuria, ovviamente internazionale: dal Giappone giunge Tomoko Vlach, dall'Austria Kurt Vlach, dalla Francia Fabrice Calmes, dalla Polonia Albert Kurkowski. Allievo giudice: Chiara De Luca. I bambini, oltre che guardare e, con attenzione, accarezzare, potranno divertirsi con la cupola dell'arte, una grande cupola gonfiabile di 50 metri quadri: dentro, tanti giochi costruttivi.
LE CURIOSITÁI grandi potranno conoscere le 17 curiosità sui gatti. Qualche esempio? Ogni anno felino corrisponde a circa sei anni di vita di un essere umano. Perciò i gatti raggiungono la matura età a 5 anni, mentre la loro terza età inizia approssimativamente verso i 10 anni. La maggior parte dei gatti bianchi con gli occhi azzurri è sorda. È stato infatti scoperto che la sordità è associata alle iridi azzurre. A riprova di ciò il fatto che nei gatti bianchi con occhi misti colorati, la sordità colpisce maggiormente l'orecchio posto dalla parte dell'occhio chiaro. I mici non riconoscono la loro immagine allo specchio: questo perché si tratta di una superficie inodore, e l'odore è essenziale affinché il gatto riconosca l'immagine riflessa come elemento vivo. Accarezzare un gatto per qualche minuto ha effetti positivi sul cervello umano perché favorisce il rilascio dell'«l'ormone della felicità», ovvero l'ossitocina. Questo ormone, infatti, aiuta ad alleviare lo stress e ad abbassare il battito cardiaco. Il gatto è poi un animale poliglotta: sono stati individuati circa un centinaio di vocalizzi diversi emessi dai gatti (i cani si fermano a dieci). Ogni animale, poi, ha i propri personalissimi miao e prrr e sono in grado di fare le fusa con la stessa frequenza di un motore: circa 26 al minuto.

Ultimo aggiornamento: 19 Gennaio, 08:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA