Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

In piazza dei Signori bicchiere con cauzione: scatta lo spritz ecologico

Venerdì 22 Aprile 2022 di Mauro Giacon
Il rito dello spritz in piazza dei Signori
2

PADOVA - È un esperimento mai tentato prima in Italia. Quattordici locali della piazza dove ogni sera si radunano migliaia di persone per un aperitivo condivideranno dai primi di maggio bicchieri di plastica, riutilizzabili, facendo pagare un euro di cauzione.
È quello che accadrà in piazza dei Signori teatro del primo “ecospritz” nazionale. Il meccanismo, che punta tutto sulla collaborazione del pubblico, è molto semplice. Si sostituirà il classico bicchiere usa e getta con uno in polipropilene. Che potrà essere restituito in uno qualsiasi dei locali della piazza, ricevendo in cambio la cauzione versata. L’obiettivo è duplice: meno cumuli di rifiuti e più educazione.
Dunque il primo fine settimana di maggio saranno distribuiti 10mila bicchieri con un costo di 11.500 euro, 8mila dei quali pagati dal Comune, il resto dagli esercenti che sono stati guidati dall’Appe, l’associazione dei pubblici esercizi. Il bicchiere avrà un logo molto accattivante che potrebbe dar vita a un vero e proprio marchio turistico. Sotto alla Torre dell’Orologio stilizzata apparirà la scritta: “I veri Signori non sprecano” e a fianco dell’astrario del Dondi due disegni di bicchieri per lo spritz. Previste due versioni: da 400 ml e da 500 ml. Una alta 13,2 centimetri, l’altra 15,6. Peso rispettivamente 31 e 37,6 grammi.
Un’iniziativa in tono minore fu attuata al “Summer student festival” del 2013 in golena S. Massimo, ma rimase un esperimento isolato. Questa invece prosegue una strada iniziata nel luglio del 2019 con un analogo accordo per usare nei locali piatti in ceramica, bicchieri in vetro e posate in acciaio, oppure prodotti usa-e-getta riciclabili e compostabili, realizzati in bioplastica. 
 

BRESSA
«Affrontiamo il tema dei bicchieri da asporto con un nuovo approccio, non solo teso a ridurre la plastica, ma ora proprio a prevenire alla radice la produzione dei rifiuti grazie alla collaborazione con gli esercenti - dice l’assessore al Commercio Antonio Bressa - Questo è lo scopo del progetto che abbiamo condiviso con Appe e che vede in piazza dei Signori il primo luogo di sperimentazione grazie all’adesione dei locali della piazza in rete. A beneficiare di queste nuove abitudini di consumo saranno sia l’ambiente che l’ordine e il decoro pubblico, motivo per il quale ho condiviso questo progetto anche con l’assessorato all’Ambiente e alla Sicurezza. Si creerà infatti un meccanismo virtuoso che dovrà portare a una piazza più pulita e a una maggiore consapevolezza diffusa rispetto alle tematiche ambientali con particolare riguardo alla prevenzione degli sprechi. Ringrazio gli esercenti che hanno deciso di puntare con noi su questa nuova sfida e che mettendosi in rete creano un vero e proprio circuito a beneficio del consumatore che potrà ritirare la cauzione in ogni locale». 
SEGATO
Il segretario generale dell’Appe, Filippo Segato aggiunge: «Questo progetto sperimentale unico in Italia vede piazza dei Signori protagonista in un’iniziativa di triplice valenza. La prima dal punto di vista turistico e commerciale perchè si promuove tramite l’impiego dei bicchieri riutilizzabili il marchio della piazza e tramite il Qrcode che sarà stampato sul bicchiere sarà possibile veicolare informazioni variabili dalla pagina web di “landing page”. La seconda è ambientale perchè si vanno a sostituire centinaia di bicchieri di plastica usa e getta con altri che non saranno abbandonati nel suolo pubblico perchè tramite il meccanismo della cauzione il consumatore sarà incentivato a restituirli a uno dei locali che fanno parte del circuito. Infine questo accorgimento contribuirà alla “buona movida” rendendo più sostenibile la vita serale e notturna. Debbo aggiungere che non esiste in Italia nessun gruppo di locali che abbia organizzato una condivisione di questo genere. Per noi è un banco di prova perchè se il progetto dovesse avere successo siamo pronti ad estenderlo ad altre zone se non, nella migliore delle ipotesi, a tutto il territorio. Sarà fondamentale la partecipazione dei cittadini».

Ultimo aggiornamento: 23 Aprile, 10:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci