Elezioni politiche, seconda sconfitta per Francesco Peghin: dopo il Comune perde anche il Parlamento

Prima le amministrative, ora le politiche. Buon risultato in città, invece, per Azione che diventa la terza forza politica di Padova

Martedì 27 Settembre 2022 di Alberto Rodighiero
Luigi Brugnaro e Francesco Peghin
2

PADOVA - «La cosa più importante è che presto avremo un governo unito pronto ad affrontare le sfide che attendono il nostro Paese». A dirlo è stato ieri Francesco Peghin, candidato (ma non eletto) alla Camera con Noi moderati. «Voglio ringraziare tutti gli amici che ieri sono andati a votare e hanno messo una croce sul simbolo di Noi Moderati contribuendo alla netta vittoria della coalizione di centrodestra - ha scritto Peghin su suo profilo Facebook - Io che provengo dal mondo dell'impresa credo sia importante mettersi in gioco con coraggio per contribuire a cambiare davvero la nostra Italia mettendo al centro la meritocrazia, i talenti, il lavoro, la crescita economica e sociale».
«Oltre che a coloro che mi hanno sostenuto, un ringraziamento particolare lo vorrei fare a Luigi Brugnaro per lo straordinario impegno, la passione e i progetti messi in campo in questa breve, ma intensa campagna elettorale - ha aggiunto il candidato del centrodestra alle ultime amministrative - Ora è importante avere al più presto un governo unito che, nel gestire le complicate emergenze, metta al centro il futuro dei nostri figli».

La soddisfazione di Azione

Non nasconde, poi, una certa soddisfazione il segretario provinciale di Azione Bruno Cacciavillani, legatissimo a Carlo Calenda. «In città è andata molto bene - ha scandito il consigliere della lista Giordani - Siamo la terza forza politica di Padova e questo è molto importante».
«In tanti mi chiedono se questo risultato cambierà gli assetti della giunta Giordani - ha aggiunto - Mi sento di escluderlo nella maniera più assoluta. Anzi, questi numeri andranno a rafforzare l'amministrazione comunale che noi sosteniamo con assoluta convinzione».
«Anche in provincia è andata molto bene. Il 9%, infatti, supera la nostra media nazionale - ha concluso Cacciavillani - Non solo. In alcune realtà come Cittadella e Selvazzano siamo a doppia cifra e questo ci incoraggia moltissimo per il futuro».

Nessun eletto 5 stelle

Nonostante la mancata elezione era candidato alla Camera non si perde d'animo il consigliere comunale del Movimento 5 stelle Giacomo Cusumano che promette un'opposizione intransigente dei pentastellati. «Faremo un'opposizione dura. Ambiente, lavoro e tutela dei più deboli sono per noi le priorità - ha scandito l'esponente grillino - Ci davano per spacciati, invece siamo ancora qui più uniti di prima. Nonostante io non sia stato eletto, sosterrò sempre il Movimento 5 stelle».

Ultimo aggiornamento: 30 Novembre, 08:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci