La capolista di Peghin, Camilla Cassandro: «Ha pesato l'astensionismo. Dispiace, ci avevo creduto»

Mercoledì 15 Giugno 2022 di Silvia Moranduzzo
Camilla Cassandro ha preso 31 preferenze
2

PADOVA - La capolista di Più Padova per Peghin sindaco, Camilla Cassandro, ha conquistato 31 preferenze. Un magro risultato per un’influencer con oltre 31 mila seguaci sui social network e un percorso televisivo su Donnavventura che l’ha resa famosa oltre la città del Santo.

Cosa ne pensa dell’esito elettorale all’indomani dello scrutinio?
«Era un’impresa difficile sulla quale mi sono gettata con entusiasmo, ci credevo davvero molto. L’astensionismo, come ha già ricordato Francesco (Peghin, ndr), l’ha resa ancora più complessa se non quasi impossibile, il ponte sicuramente non ha agevolato le cose».

Si aspettava un così basso numero di preferenze?
«Sono sincera, pensavo qualcosa di più anche se vedendo l’andamento complessivo del voto la cosa non mi stupisce, ragionando a posteriori. Sono dispiaciuta. Poi, come in tutte le cose, si guarda avanti. Per me è stata una campagna elettorale piuttosto magra, purtroppo».

Per quale motivo?
«I primi giorni di giugno ho fatto un incidente e sono stata in ospedale quasi due settimane. Forse anche per questo non sono riuscita a esprimermi appieno».

Il risultato di queste elezioni l’ha delusa? Cosa non ha funzionato?
«Certo, ci siamo impegnati moltissimo ed è normale essere delusi dal risultato. Credo sia ancora presto per dire cosa non abbia funzionato».

Secondo lei perché l’alta percentuale di astensionismo?
«Forse le persone fanno fatica ad ascoltare, non si sentono coinvolte dalla politica. Quello dell’astensionismo è un dato che non si dovrebbe sottovalutare».

Continuerà con la politica?
«Non scarto l’ipotesi, per Padova sarò sempre attiva, che si tratti di restare in politica o di fare altro per il bene della città».

Ultimo aggiornamento: 07:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci