Pusher tunisini sull'argine del Piovego: botte ai militari poi l'arresto

Venerdì 14 Giugno 2019
14

PADOVA - Blitz antidroga della Guardia di Finanza di Padova: due pattuglie di agenti in abiti civili hanno individuato e pedinato due tunisini, già noti per precedenti specifici: uno si aggirava nei pressi dell’argine del  Piovego in attesa di incontrare qualcuno e  si è avvicinato al militare per  accertarsi se fosse o meno il cliente che stava aspettando. Capito  di aver sbagliato persona si dava improvvisamente alla fuga. Il finanziere lo bloccava prontamente ingaggiand poi una collutazione: il tunisino  colpiva  a calci il militare. Successivamente, un altro tunisino nascosto dietro ad un cespuglio interveniva con veemenza per il suo “socio in affari”. A quel punto, l’intervento degli altri militari impiegati in appostamento consentiva di fermare entrambi. 

I due tunisini nel frattempo, avevano tentato di liberarsi di alcuni involucri con stupefacenti a (cocaina, hashish e marijuana). Le successive perquisizioni personali  consentivano di rinvenire denaro contante e alcuni telefoni cellulari contenenti informazioni  interessanti per ulteriori sviluppi investigativi. «In seguito - comunica la Gdf - i militari eseguivano la perquisizione domiciliare dei due spacciatori per  sequestrare altro  denaro, molto probabilmente provento della giornaliera attività di spaccio, raggiungendo un ammontare complessivo di 1.190 euro. La sostanza stupefacente rinvenuta e sequestrata è di complessivi  60,30 grammi».

Venivano così  tratti in arresto per  detenzione e spaccio oltre che  denunciati per resistenza a pubblico ufficiale. 

Ultimo aggiornamento: 11:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA