Don Marino, dopo il sesso i soldi: «Spariti tutti i registri contabili»

Mercoledì 15 Gennaio 2020 di Gabriele Pipia
don Marino Ruggero
9

PADOVA - Vicolo San Massimo, ore 10 del mattino. Don Marino Ruggero, appena allontanato dalla parrocchia di San Lorenzo di Albignasego, varca il portone della Cappella universitaria. Ad attenderlo, per stringergli la mano e raccoglierne il testimone, c’è don Giovanni Brusegan. Figura di peso della Diocesi di Padova, uomo buone per tutte le situazioni (soprattutto per le più delicate), spetta a lui raccogliere i cocci di una parrocchia travolta da uno scandalo in cui si mescolano fango, sesso e soldi. Già, i soldi.
 

Prete si dimette a Padova, la storia di don Marino Ruggero

Don Marino: «La Lega, i viaggi e le donne? Io sono gioioso e limpido»
Si dimette il prete a favore della legittima difesa: «Don Marino rimosso, ecco il perché»

È questa la novità della giornata di ieri. Perché alle 12.30, termine le oltre due ore di colloquio con il suo successore, don Marino Ruggero decide di rilanciare e sparare nuove bordate. Dopo aver minacciato di «fare i nomi padovani di preti pedofili, gay e che hanno fatto abortire le donne», il cinquantaquattrenne decide di raccontare nuovi dettagli della sua ultima esperienza da sacerdote. «Sono arrivato alla guida della parrocchia nel settembre del 2017 - spiega - e poco dopo sono scomparsi dagli uffici tutti i registri che riguardavano 10 anni di gestione economica. L’anno successivo è sparita anche la chiavetta che permetteva i pagamenti digitali. Ho presentato denuncia contro ignoti». Secondo don Marino quella sparizione potrebbe essere riconducibile al suo nuovo metodo di gestire la parrocchia. «Quando sono arrivato ho capito che c’era un gruppo di persone che comandava tutto e decideva ogni spesa, dalle sagre ai contributi per le associazioni, fino alle ristrutturazione. Prima di me non c’era un vero e proprio parroco, c’era una sorta di equipe. Bisognava stare alle loro condizioni. Io ho voluto vedere tutto con i miei occhi e cambiare alcuni metodi di gestione amministrativa. Pochi mesi dopo, però, i registri sono spariti. Quando ho chiesto di verificarli, non c’erano più: mi sono trovato davanti un buco temporale di dieci anni. Delle domande me le faccio, è inevitabile. Le risposte non le ho, ma come faccio a non farmi venire dei dubbi? Evidentemente con la mia nuova gestione economica ho dato fastidio a qualcuno». Il sacerdote, 54 anni, è sotto processo canonico al Tribunale ecclesiastico. «A don Marino Ruggero, alla luce di precise accuse avvalorate da prove, vengono contestati comportamenti non consoni allo stato clericale, inerenti agli impegni derivanti dall’obbligo del celibato per i preti» ha scritto la Diocesi in una nota ufficiale diffusa lunedì pomeriggio. Tradotto: il prete avrebbe avuto relazioni non concesse in ambito ecclesiastico. Nella piccola comunità di San Lorenzo di Albignasego il passaparola corre veloce, ma lui non ci sta. Ad ogni persona che lo chiama per chiedergli spiegazioni, risponde senza esitazione: «Non crederci, non crederci. Sono tutte sciocchezze, illazioni. Vogliono farmi fuori perché sono scomodo».

Davanti all’accusa di aver avuto rapporti con altre donne, don Marino sorride: «Sì, ho sentito anche io che qualcuno ha messo in giro le voci di una presunta relazione tra me e la moglie di un ex componente dello staff parrocchiale. Ma cosa significa rapporti? Se parliamo di un abbraccio, un aperitivo o un bacio di auguri, allora sì. Sono sempre stato fatto così. Magari mi hanno visto al tavolino di un bar con una donna e hanno pensato chissà cosa. Ma chi lo dimostra? Qui servono prove chiare». Prove che la Diocesi di Padova sostiene però di avere. Il procedimento è stato appena avviato e per l’esito potrebbero volerci alcuni mesi. Sulla volontà di fare i nomi di preti coinvolti in altri scandali, invece, don Marino temporeggia: «So davvero certe cose e non le so solo io, ma la mia era comunque solo una provocazione». Intanto, mentre il tribunale ecclesiastico studierà i documenti, lui non si annoierà. «A febbraio andrò in Terra Santa con la mia classe del seminario - spiega -, siamo stati ordinati preti esattamente trent’anni fa. Poi alcuni amici mi hanno proposto un bel viaggio solidale in Perù. Ma tornerò sicuramente presto a salutare i fedeli di Albignasego, non ne ho nemmeno avuto modo». 
 

Sesso e soldi, gli scandali nella curia di Padova

Orge in canonica, l'ex don patteggia ​un anno per lesioni all'ex amante
Orge in canonica, il vescovo perdona don Roberto Cavazzana
Sguotti "assolve" l'ex don Contin: ​«Le debolezze fanno i preti più veri»
Don Cavazzana, le 13 parrocchiane e il mistero degli altri preti coinvolti
Prete a luci rosse, «Mi portava nei parcheggi dell'A31 e mi scattava foto nuda»
Orge in canonica, pc e tablet svelano tutti i segreti del prete a luci rosse
L'ex amante: «Le cene con i genitori di don Contin, poi quelle violenze»
La conferenza stampa del vescovo di Padova e la sua decisione sulla sorte del parroco a luci rosse

Ultimo aggiornamento: 20:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA