Don Marino, la Diocesi lo processa: «Non ha rispettato il celibato, lui sapeva tutto»

Lunedì 13 Gennaio 2020
don Marino Ruggero
5

PADOVA - In riferimento alla vicenda che riguarda don Marino Ruggero, che ha dato le dimissioni da parroco di San Lorenzo in Roncon di Albignasego lo scorso 2 gennaio, è intervenuta oggi la Diocesi di Padova.

Don Marino: «La Lega, i viaggi e le donne? Io sono gioioso e limpido»

Si dimette il prete a favore della legittima difesa: «Don Marino rimosso, ecco il perché»

 «Si comunica che in data odierna è iniziato, su mandato del vescovo di Padova, mons. Claudio Cipolla, il processo canonico nei suoi confronti, presso il Tribunale ecclesiastico diocesano. A don Marino Ruggero, alla luce di precise accuse avvalorate da prove, vengono contestati comportamenti non consoni allo stato clericale, inerenti agli impegni derivanti dall’obbligo del celibato per i preti. Don Marino Ruggero – contrariamente a quanto finora egli stesso ha dichiarato pubblicamente – era a piena conoscenza dell’ambito delle accuse a lui rivolte, che hanno portato il vescovo a disporre un’indagine previa e successivamente al fermo invito a dimettersi spontaneamente, proprio per dargli la possibilità di difendersi nelle sedi adeguate (tribunale ecclesiastico), dalle accuse che gli sono state rivolte».

Ultimo aggiornamento: 14 Gennaio, 13:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA