Stagiste in minigonna, il pm Nalin indagato anche per molestie

Mercoledì 20 Dicembre 2017 di Nicola Munaro
Davide Nalin
20
PADOVA - Non solo il versante disciplinare e la sospensione da ogni incarico (così come dallo stipendio) decisa nel pomeriggio di lunedì dal Consiglio Superiore della Magistratura. Perché su Davide Nalin, sostituto procuratore di Rovigo, si è abbattuta una nuova tegola. La procura di Piacenza ha iscritto il magistrato nel registro degli indagati con l'accusa di stalking. I fatti sono quelli noti: minigonna e tacchi alti obbligatori in cambio di una borsa di studio per le dottoresse decise ad entrare nella Scuola di formazione giuridica «Diritto e scienza» gestita dal Consigliere di Stato Francesco Bellomo e in cui il pubblico ministero Nalin vestiva gli abiti di collaboratore. Una storia che mischia la sacralità del diritto con aspetti boccacceschi e da locanda, tanto da portare il Csm a sollevare dal proprio incarico il magistrato trentottenne e indurre la procura di Piacenza a indagarlo.

Un'accusa, quella di stalking, che il sostituto procuratore rodigino divide in concorso con Bellomo, già sotto indagine, lui, dalla procura di Bari per estorsione. Secondo i magistrati di Piacenza, Nalin avrebbe importunato una dottoressa iscritta alla scuola di formazione giuridica con una serie di telefonate per convincerla a non mollare il corso e a seguire i consigli di Bellomo, vero e proprio deus ex machina dell'intera vicenda. Era stata la stessa studentessa a portare sul tavolo dei magistrati emiliani quelle pressioni, diventate spina dorsale della denuncia nei confronti del responsabile della scuola e del suo collaboratore Nalin. Che tanto per il versante penale quanto per quello disciplinare, sembra ricoprire il medesimo ruolo di mediatore tra una studentessa e Bellomo. Unico l'obiettivo: quello di procurare al collega «indebiti vantaggi», anche di «carattere sessuale».

Secca la replica del pm rodigino una volta uscito il provvedimento del tribunale delle toghe: «È un provvedimento che fatico a comprendere. Non è affatto vero che mi sia prodigato per indurre ragazze ad assecondare richieste illecite del consigliere Bellomo». Francesco Bellomo dice di sentirsi «tradito ed usato» da alcune ragazze.
  Ultimo aggiornamento: 11:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA