Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Cari follower, vi svelo i segreti sugli alimenti di cui vi cibate»

Domenica 26 Giugno 2022 di Iris Rocca
Alessandro Di Flaviano
1

ALBIGNASEGO - «Sai perché? Tranquilli, ve lo spiego io!» Iniziano così i reel di Alessandro Di Flaviano, classe 1996, di Albignasego, che in tempo record ha conquistato con la sua insolita “Rubricalimenti” 13 mila followers su Instagram ed altrettanti su TikTok con 70 mila preferenze, spiegando cosa sta dietro gli ingredienti di ogni piatto o bevanda. Nessuna foto di tramonti o abito all’ultimo grido, dunque, ma tante curiosità sull’alimentazione da parte di chi se ne intende davvero e, nel suo piccolo, vuole fare qualcosa per diffondere le sue conoscenze. Nato a Padova, vive nel quartiere di Sant’Agostino, quando non è in trasferta tra ristoranti, alberghi e bar come in questa stagione estiva, al Lido di Venezia. «Cucino e spiego il perché delle cose» scrive sul suo profilo TikTok, Di Flaviano, con un curriculum che lo ha portato a diventare un esperto sul tema, dopo il diploma come chimico al Marconi.


GRANDE PASSIONE
«Già all’epoca mi incuriosiva la cucina: sono sempre stato un grande appassionato, oltre che un’ottima forchetta. Ad interessarmi era per lo più quello che sta dietro i cibi e perché certi mi piacessero e altri meno». Così il percorso scelto poco dopo da Alessandro è stato quello in Sicurezza igienico sanitaria degli alimenti nel dipartimento di Agraria e medicina veterinaria dell’Università di Padova, con sede a Vicenza, dove si è laureato due anni fa dopo 450 ore di tirocinio: «Un corso che ti prepara a 360° sugli alimenti, dalla nutrizione alle tecnologie alimentari, fino all’analisi dei processi dell’alimento finito. Un argomento che mi piaceva al punto da approfondirlo oltre l’università, leggendo libri e cercando studi scientifici in rete».
La sua pagina è nata 4 anni fa mossa dal pensiero che «nel cibo, chi conosce sceglie, altrimenti crede di scegliere. Così il progetto di divulgazione sui social è diventato tesi di laurea, con l’obiettivo di lottare contro le fake news alimentari, alla maniera del mio mito, il professore di chimica degli alimenti dell’Università di Pavia, Dario Bressanini». È nata così la sua pagina, dove pillole sugli alimenti con un approccio scientifico, un linguaggio facile ed una comunicazione immediata, hanno iniziato ad interessare sempre più persone, mille followers già nel primo anno, fino al boom grazie alla condivisione della super influencer del fitness Taylor Mega. «Già nel periodo della tesi mi ero reso conto di quante lacune ci fossero, così ho iniziato con ricette nelle quali spiegavo la parte scientifica. Ora che ci sono più persone a seguirmi, c’è anche più confronto: alcuni mi scrivono in privato per avere consigli, altri mi ringraziano perché li ho spinti ad informarsi su alcuni temi o ad approfondire».


Ma come si decidono gli argomenti da trattare nelle due o tre pillole settimanali? «Faccio ricerche in internet anche attraverso il digital marketing sui food blog per capire le tendenze del momento e cosa interessi di più. Scopro quali sono le parole chiave più ricercate dagli utenti per interesse o per moda e vado ad approfondire i temi dal punto di vista scientifico. Ma in realtà, tante volte sono amici o parenti a darmi gli spunti: la cena di Natale con la mia famiglia, ad esempio, è una fucina di idee sulla confusione che c’è nell’alimentazione» sorride sotto i baffi. Un successo coltivato su Instagram ed esploso da meno di un anno anche su TikTok, per Di Flaviano, testa riccia al punto da diventare una caricatura in stile Arcimboldo per l’amico fumettista Emanuele Verzotto che ha disegnato il suo logo. «I video che hanno toccato i picchi maggiori, raggiungendo anche le 250 mila visualizzazioni, sono stati quelli sulla schiuma nella birra, sul glutine come moda del momento, o sul perché immergiamo le uova nell’acqua per valutarne la freschezza. Ed il rapporto con gli haters? «Beh, diciamo che ho imparato presto che non è il caso di schierarsi tra grana e parmigiano».

 

Ultimo aggiornamento: 28 Giugno, 09:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci