Andrea Crisanti: «A Vo' il coronavirus presente da inizio gennaio. Se Zangrillo ci fosse andato avrebbe detto che Covid19 non esisteva»

Giovedì 4 Giugno 2020
Crisanti: «A Vo' il virus presente da inizio gennaio. Se Zangrillo ci fosse andato avrebbe detto che Covid19 non esisteva»
22

PDOVA A Vo' il coronavirus era già presente a inizio gennaio: lo sostiene il virologo Andrea Crisanti dapo aver condotto degli studi sulla popolazione del piccolo centro cittadino della provincia di Padova. «Le ultime indagini a Vo' consentono di «datare l'entrata del virus nella prima-seconda settimana di gennaio». Così Andrea Crisanti, direttore Microbiologia e Virologia - A.O. Università di Padova, in collegamento con Agorà su Rai3, illustra i risultati di tre nuovi studi sulla popolazione.

Coronavirus, l'Oms: «Non sta diventando meno patogeno»

«Abbiamo di nuovo fatto il tampone a tutta la popolazione di Vo' poi abbiamo fatto il test sierologico e stiamo completando l'analisi genetica di tutta la popolazione. Per quanto riguarda il tampone non ci sono nuovi casi positivi», spiega.

I 100 giorni del Coronavirus in Veneto: da Vo' alle riaperture Le tappe dell'epidemia

«Il test sierologico ha rivelato sorprese interessanti, abbiamo visto che c'è un numero importante di persone che al primo campionamento, del 24-25 febbraio, era negativo al tampone e stava bene e queste persone hanno anticorpi, è emerso che circa il 5 per cento della popolazione di Vo' ha anticorpi contro il virus. Questo ci permette di datare l'entrata del virus a Vo' nella prima-seconda settimana di gennaio. Questo virus per ragioni che ancora non conosciamo si diffonde senza creare malattia finché raggiunge una massa critica di persone che si infettano e a quel punto esplode con tutta la sua violenza, quindi questi casi che ci sono in Italia non vanno sottovalutati», sottolinea.

Andrea Crisanti: «Il Covid sta mutando molto meno di quanto ci si aspettasse»

«Se il professor Zangrillo fosse andato a Vo' nella prima settimana di gennaio e avesse visto le persone che magari erano positive al virus avrebbe detto che il virus clinicamente non esisteva. Poi si è visto quello che ha fatto - aggiunge - Questo virus ancora non lo comprendiamo bene, non comprendiamo perché raggiunta una soglia critica, le persone cominciano ad ammalarsi in modo grave». «Penso che avremo sorprese dall'analisi sierologica di tutta Italia. Se il 23 febbraio a Vò era del 5% io penso che in alcune zone della Lombardia sarà arrivato sopra il 30%», dice Crisanti
Infine un passaggio sulla chiusura delle frontiere da parte dell'Austria: «Io penso faccia bene, ci sono ancora un sacco di casi in Italia. Penso che anche noi dovremmo implementare misure di controllo nei confronti di quei Paesi dove l'epidemia è ancora attiva, come America e Sud America».
 

Ultimo aggiornamento: 21:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA