Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cento posti letto occupati da pazienti Covid, in dieci giorni ricoveri raddoppiati

Domenica 3 Luglio 2022 di Elisa Fais
COVID - I casi sono in aumentano e anche i ricoveri ospedalieri

PADOVA - La nuova ondata di contagi si abbatte all’ospedale di Padova. Nel giro di dieci giorni i pazienti positivi al Covid sono raddoppiati. Ieri sono stati superati i cento ricoverati, mercoledì 22 giugno nei reparti di degenza in via Giustiniani si contavano 52 persone contagiate. Numeri che rischiano di rimettere in discussione l’assetto organizzativo dell’Azienda ospedaliera, da sempre pronta fronteggiare la pandemia.


L’ALLERTA
«Ancora una volta il Covid dimostra di essere poco prevedibile - commenta il direttore generale, Giuseppe Dal Ben -. Conosciamo molto della malattia, ma non ancora abbastanza. Per la prima volta infatti assistiamo ad una crescita importante della curva dei contagi nel periodo estivo: in ospedale abbiamo superato da poco i 100 pazienti positivi al Covid, un numero che non vedevamo da tempo. Molti di loro sono entrati con altre patologie, ma il fatto di essere positivi ci obbliga comunque a mettere in campo una serie di azioni per evitare che altri pazienti possano essere infettati, in una continua e serrata lotta contro il virus». 
L’ISOLAMENTO
In media l’80% dei pazienti positivi ricoverati nella cittadella sanitaria rientra nella categoria dei cosiddetti “Covid per caso”. Ovvero persone giunte in ospedale per altri motivi (come ad esempio per affrontare un intervento chirurgico) che scoprono di essere infette al momento del tampone obbligatorio pre-ricovero. Per lo più, quindi, si tratta di contagiati non sintomatici per il Covid.
Per ridurre il rischio di trasmissione della malattia in ospedale, anche i positivi asintomatici vengono isolati e assistiti con tutte le precauzioni del caso. Attualmente gran parte dei reparti specialistici trova delle stanze ad hoc. Ma, con la carenza di spazi sofferta cronicamente in Azienda ospedaliera, individuare aree Covid al di fuori del reparto di Malattie infettive, non è un’operazione così semplice e scontata. «Lo sforzo è davvero importante - continua il direttore Dal Ben - soprattutto a livello logistico e organizzativo. Devo per questo ringraziare tutto il nostro personale, che senza arretrare di un centimetro è di nuovo costretto a sforzi fuori dal comune per garantire la migliore normalità possibile nell’ospedale».


NUOVI LETTI 
Sul tavolo della direzione dell’Azienda ospedaliera, ora, c’è un nuovo piano per affrontare l’ondata estiva della pandemia. «Ora stiamo valutando attentamente la situazione, pronti ad applicare quelle riorganizzazioni dei reparti che ormai abbiamo affinato in questi anni di pandemia - dice Dal Ben - misure che spero non siano necessarie, ma abbiamo il dovere di essere sempre un passo avanti al virus ed anticiparne l’impatto sulla popolazione ed i pazienti».


IL BOLLETTINO
I padovani positivi al Covid ormai hanno superato quota 14mila. Il dato cresce di giorno in giorno. Tra venerdì e sabato si registrano 1.750 nuovi casi e due decessi legati al virus. 
Gli effetti di quest’impennata si vedono anche sugli indicatori di pressione ospedaliera: negli ultimi giorni i nuovi ingressi sono aumentati sensibilmente. Nei vari ospedali di Padova e provincia sono assistiti 124 pazienti positivi. Tra questi, sette si trovano in terapia intensiva.

Ultimo aggiornamento: 4 Luglio, 12:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci