Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Dai vigili al servizio anagrafe, boom di contagi in Comune: l'allarme dei sindacati

Domenica 3 Luglio 2022 di Alberto Rodighiero
Contagi in aumento
2

PADOVA -«In Comune ci sono troppi contagi da Covid tra i dipendenti, l'amministrazione deve intervenire». A dirlo è la Uil. «Venerdì scorso, abbiamo inviato una lettera al sindaco Sergio Giordani che ricordiamo essere il responsabile della salute e della sicurezza dei dipendenti, circa l'aumento dei contagi tra i lavoratori - ha detto ieri il segretario provinciale Uil-Fpl Francesco Scarpelli - Nei giorni scorsi è stato fatto un passaggio con il capo servizio sicurezza per far presente le palesi criticità sorte in alcuni Settori come polizia locale e anagrafe. Lo stesso passaggio è stato fatto anche con il capo settore della polizia locale, in quanto proprio tra i vigili, dove viene erogato un servizio h 24, con presenza continua di operatori in promiscuità in alcuni locali soprattutto nella centrale operativa, si sta registrando una recrudescenza del virus».


«Uil-Fpl nella nota ha sottoposto alcune richieste improcrastinabili, che riguardano la sicurezza del personale ha aggiunto - Ad esempio per le auto ad uso promiscuo chiediamo che si preveda la cosiddetta sanificazione calendarizzata e obbligatoria. Occorre poi una procedura di reale sanificazione e disinfezione standardizzata dei locali di lavoro, anche giornaliera, con una frequenza sistematica soprattutto per i luoghi più sensibili per evitare il contagio tramite contatto e aerosol».

«Alla scoperta del contagio, bisogna prevedere un'immediata sanificazione, anche attraverso strumenti già in possesso dell'ente ha concluso Scarpelli - Serve che, finalmente, il datore di lavoro si adoperi concretamente nella tracciabilità dei casi Covid conditio sine qua non per l'espletamento automatico delle contromisure a salvaguardia della sicurezza del lavoratore, senza più celarsi dietro Ulss, medici di medicina generale e privacy».

 

Ultimo aggiornamento: 4 Luglio, 12:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci