Corteo No vax a Padova: in 4mila paralizzano il traffico della città

Domenica 26 Settembre 2021
Corteo No vax a Padova: in 4mila paralizzano il traffico della città
2

PADOVA - Notevoli disagi al traffico, con alcune strade del centro semi-paralizzate sono stati causati ieri sera da un corteo di circa 4.000 no-vax sfilato a Padova. Ennesima manifestazione del popolo contrario alle misure sanitarie anti-Covid che questa volta ha infastidito alcuni commercianti, per il disagio che queste iniziative provocano nel giorno, il sabato, maggiormente dedicato agli acquisti. Lunghe file di auto si sono formate in particolare in viale Codalunga, a ridosso del centro storico. Dal corteo i consueti slogan contro il green pass, e le misure decise dal Governo, e ancora gli manifesti con accostamenti tra la vaccinazione di massa e le persecuzioni naziste verso il popolo ebraico. 

Manifestazione no-vax a Padova

I manifestanti hanno cominciato a popolare il piazzale della stazione alle 17. Il cartello «Zaia basta con i numeri, inizia a curare», è ricomparso e ha fatto la sua entrata in scena uno scheletro attaccato a un bastone al di sotto del quale c'era una foto: la morte con il mantello nero e la falce che suona alla porta di un uomo. «Chi è?», «La terza dose» risponde la morte. 
Alle 17.30 viale Codalunga è stato bloccato e il corteo è partito. Sono sempre di più gli slogan No vax che si sentono durante la manifestazione nonostante gli organizzatori continuino a dire che la loro protesta si limita al Green pass. Arrivati a ponte Molino i manifestanti hanno svoltato in via San Fermo.  Il corteo ha sfilato per Largo Europa, sotto gli occhi scettici dei clienti di Baessato, e poi si è gettato in corso del Popolo dove autobus e tram sono dovuti restare fermi quasi un'ora. I manifestanti si sono prima fermati sulla strada per compattarsi e poi sono entrati nei Giardini dell'Arena dove si è tenuto il consueto comizio. Il percorso è stato modificato più volte. All'inizio si partiva da piazza Duomo per arrivare in Prato della Valle, poi l'arrivo era stato spostato in piazza Eremitani. Ma i commercianti erano insorti. Così la partenza era stata spostata in stazione ma comunque il corteo andava a toccare il centro e il fatto che bloccasse per qualche tempo viale Codalunga e corso del Popolo creava dei disagi alle auto e ai mezzi pubblici.

Ultimo aggiornamento: 16:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA