Coronavirus, i contagiati salgono a 98: un focolaio anche a Vicenza. A Vò 5 nuovi casi

Giovedì 27 Febbraio 2020
Coronavirus in Veneto, il numero dei contagiati

Coronavirus, le ultime notizie sui casi in Veneto aggiornate in diretta sul Gazzettino.it. La preoccupazione e il livello di allerta restano alti in Veneto, dove i casi accertati di positività al Covid-19 sono saliti a 116. Ma ben 63 non accusano alcun sintomo e i ricoverati scendono a 28.

LA SPERANZA Il meterorologo Ernani: «Temporali e vento in arrivo potrebbero essere i killer del virus»

Inoltre, dei nuovi casi, nessuno è grave. Per questo il governatore del Veneto, Luca Zaia, chiede al governo di revocare l'ordinanza: da lunedì in Veneto e in Friuli scuole riaperte. Il governatore sta preparando il provvedimento che riduce il livello di allerta e le misure precauzionali.

La novità di oggi è il nuovo cluster (focolaio) a Vicenza.

I CONTAGI
I casi di contagio, aggiornati a oggi, giovedì 27, ore 18,00, sono 116: 51 pazienti a Vo' Euganeo, 5 a Dolo, 9 a Venezia, 3 a Vicenza, 8 a Limena, 22 a Treviso e 18 pazienti che devono ancora essere associati ad un focolaio. 
Sono oltre 6.800 i test per l’accertamento della positività al coronavirus affluiti alla microbiologia dell’Azienda Ospedaliera di Padova.

Coronavirus, ragazza di 20 anni rientrata da Venezia ha febbre e tosse: trasferita allo Spallanzani

I TAMPONI ESEGUITI IN VENETO: SONO 6.065
Ecco i risultati dei tamponi per diagnosticare il Coronavirus eseguiti in Veneto e affluiti alla microbiologia dell’Azienda Ospedaliera di Padova. Sono 6.065 provenienti da Padova,  233 provenienti da Venezia, 85 provenienti da Treviso, 44 provenienti da Verona. Gli altri, fini alla concorrenza della cifra di oltre 6.800, sono in corso di refertazione.

I DIMESSI
Una buona notizia: uno dei pazienti del "cluster" di Vo' Euganeo, trovato positivo il 22 febbraio, è stato dimesso e sta bene. È già la seconda dimissione di un paziente ricoverato in Veneto.

LA MAPPA

Anche una bambina di 8 anni residente in provincia di Padova, a Curtarolo, è risultata positiva al test, ma non ha sintomi. È in quarantena a casa. Nel pomeriggio di oggi, 26 febbraio, si sta valutando se chiudere precauzionalmente la scuola fino al 10 marzo. Probabilmente tutti gli alunni saranno sottoposti al test.

A Treviso ci sono 12 tamponi positivi tra i 30 effettuati dopo la morte di Luciana Mangiò, che era ricoverata nell'Unità Operativa di Geriatria dell'Ospedale Ca' Foncello di Treviso. Sono stati rilevati sulle persone venute a contatto con la paziente nell'ambito ospedaliero e residenziale. Le positività si riferiscono a dieci operatori dell'ospedale (4 medici, 2 infermieri, 4 operatori), alla badante dell'anziana e a un contatto stretto residente nello stesso condominio di Paese. Tutte le 12 persone positive (11 delle quali residenti nel Trevigiano e una nel Bellunese) sono attualmente asintomatiche e stanno bene. Per loro è scattato prudenzialmente l'isolamento domiciliare. Saranno monitorate dal Servizio di Igiene Pubblica. Un medico in servizio all'ospedale Ca' Foncello che ha lavorato in Geriatria è stato trasferito all'unità operativa malattie infettive dell'Azienda ospedaliera di Padova. Mentre un infermiere in servizio all'ospedale Civile di Venezia e residente al Cavallino è stato contagiato ma non sintomi: è in isolamento a casa.

Medico contagiato a Treviso: ha lavorato in Geriatria

Martedì 25
I  casi di martedì 25, riguardano 5 pazienti di Vo' Euganeo tutti ricoverati in malattie infettive a Padova dove ora si trovano 11 persone affette dal virus. Ci sono poi altri casi di contagiati che al momento non sono associati ad alcun cluster e il nuovo caso di Treviso. 
 

Coronavirus Veneto, numero verde da chiamare 800462340

 

Ultimo aggiornamento: 28 Febbraio, 09:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA