«I cinghiali sui Colli? Ci penso io»
Ecco il cannone a gas di Davide

Sabato 3 Settembre 2016 di Ferdinando Garavello
Davide Russo
13

BAONE - Massimo sforzo, minimo risultato: il cannone anti cinghiali spaventa i residenti, mentre ai selvatici non fa nemmeno il solletico. Si conclude con un nulla di fatto la nottata di passione che ha allarmato centinaia di persone fra Este e Baone, svegliate fra giovedì e ieri da un intenso cannoneggiamento ai piedi del monte Cero.
Molti hanno pensato a una battuta di caccia organizzata dal Parco regionale dei colli Euganei per ridurre il numero degli ungulati nell'area protetta, dove i branchi stanno devastando vigneti, orti e altre colture. Le squadre però non sono uscite negli ultimi giorni, quindi questa ipotesi è da scartare a priori. Molti altri hanno parlato di un super-battuta da parte dei bracconieri, che stanno decimando le file dei cinghiali. Niente di tutto ciò: i botti notturni provenivano dal cannone a gas installato dall'agricoltore Davide Russo nel suo appezzamento di terreno nelle campagne fra il quartiere di Meggiaro e l'abitato di Baone. Peccato che tutto quel chiasso, causato dalle bordate a salve dell'apparecchio, non sia servito a nulla. «Il cannone ha sparato - ammette il coltivatore, che sta vedendo il raccolto rovinato notte dopo notte dai branchi affamati - ma loro non hanno fatto una piega».

Ultimo aggiornamento: 5 Settembre, 09:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA