Un documento scaduto: «E sono
diventato un cittadino fantasma»

Un documento scaduto: «E sono  diventato un cittadino fantasma»

di Camilla Bovo

MONSELICE - Un documento scaduto e l’impossibilità di rinnovarlo. Comincia così il dramma di Daniele Sinigaglia, 41enne originario di Arquà Petrarca, senza un lavoro, una casa e soprattutto senza identità. Sì, perché per la burocrazia è come se  non esistesse.

Il 41enne, costretto oggi a vivere dove capita, prova a spiegare i contorni di questa vicenda, che parte da lontano. E più precisamente dal 1999, quando la vita di Daniele ha subito un colpo devastante. Allora 23enne, stava guidando la propria auto, sulla quale erano saliti altri tre ragazzi, quando andò a schiantarsi contro un albero. Uno dei passeggeri, il ventenne Denis Paolino, morì. «Dopo l’incidente ho vissuto un periodo molto difficile, non riuscivo ad accettare quello che era successo»...


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 25 Ottobre 2017, 07:00






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Un documento scaduto: «E sono
diventato un cittadino fantasma»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2017-10-25 19:06:26
... favorito dagli dei.. libero da catene, burocrazia e società.
2017-10-25 16:36:27
Come ha già scritto qualche lettore è necessario che la Carta di identità sia rinnovata ed è necessario un recapito, sennò il Comune non può rinnovarla. Basta mettersi d'accordo con qualche Associazione o con la Parrocchia o con qualcuno di disponibile. Se il Comune o una Ditta devono mandare qualche notifica, dove la mandano senza un indirizzo??
2017-10-25 16:19:02
agner, da noi, qualsiasi documento [anche gli abbonamenti] in prossimita' della scadenza si riceve un avviso
2017-10-25 12:59:31
Le cose non stanno proprio cosi'... Intanto il signore ha un codice fiscale, e questo e' gia' il segnale che per lo Stato italiano lui esiste eccome. Per quanto riguarda l'indirizzo, la legge prevede che un cosiddetto senzatetto possa eleggere a suo domicilio la casa comunale, oppure (mettendosi d'accordo con il prete) la parrocchia, oppure una qualsiasi associazione di volontariato che si renda disponibile. Se poi i giornali vogliono raccontare la fola del "cittadino fantasma" solo perche' il signore ha un passato di depressione, disoccupazione e difficolta' nei rapporti umani va bene, ci sta. Pero' non diamo informazioni fuorvianti.
2017-10-25 11:41:03
Non solo diritti , ma anche doveri..la carta d'identita' bisognerebbe averla non appena si esce dalla porta di casa.Per cui ci si dovrebbe accorgere se e' scaduta.Se vai in banca se ne accorgono.Pero' in casa di extracomunitari che hanno chiuso la porta dell'appartamento in affitto e se ne sono andati, non si puo' entrare neppure da parte del proprietario...due pesi e due misure.Infatti per un caso del genere...dpop due anno son tornati come se niente fosse, affitto e rate condominiali e multe e rate acquisti..ammonticchiate da qualche parte.