Sgozzano una capra in giardino
per celebrare la festa islamica

PER APPROFONDIRE: capra sgozzata, festa islamica, islam, padova
Sgozzano una capra
in giardino
​per celebrare
la festa islamica

di Luisa Morbiato

MORTISE - Aprire la finestra di casa per far entrare un sole quasi estivo e restare impietriti dall'orrore e dal disgusto nel vedere il sangue che schizza dal collo di un animale penzolante da un albero del giardino dei vicini. È l'orrido spettacolo al quale hanno assistito ieri alcuni residenti di via Giuriolo a Mortise. Una delle abitazioni della piccola stradina è abitata da poco tempo da una famiglia di magrebini che ieri, per onorare la "festa del sacrificio", ha deciso di sgozzare una capra e appenderla all'albero del giardino per far defluire il sangue, prima di cuocerla per pranzo. Una visione che ha scosso i residenti. Una segnalazione è subito partita al centralino del servizio veterinario dell'Ulss, che a sua volta ha allertato la polizia.







«Ho visto cosa stava accadendo, sono riuscito anche a scattare delle foto - racconta un vicino - abbiamo subito segnalato cosa stava accadendo alle autorità. È stato orribile, queste cose non possono succedere. Con le finestre che guardano sul giardino di quella casa, si vedeva tutto».









© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 5 Ottobre 2014, 08:55






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Sgozzano una capra in giardino
per celebrare la festa islamica
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 69 commenti presenti
2014-10-07 18:40:15
animalisti Dotcom, sono d\'accordo con te, gli animalisti, le femministe e tutte le categorie simili di fancazzisti, fanno la voce forte solamente quando per qualche motivo anche leggero, sono coinvolte persone o categorie a loro invise; con i musulmani, quando sgozzano animali o schiavizzano le donne c\'è un\'assordante silenzio figlio della paura, che però scusami, in questo non sono d\'accordo, non tutti hanno e sanno contrapporre coraggio che loro neanche si sognano, vedi il comportamento di Quattrocchi; ed\'è grazie a questo coraggio e l\'amore per la vita e non l\'amore drogato e fanatico per la morte che questa gente ha , che come la storia insegna, trionferemo.
2014-10-06 20:30:32
uomini ed animali un destino comune anche se per vie diverse. nascere uomo è un dono che comporta doveri, non un privilegio per schiacciare gli altri esseri. nessun motivo può essere valido. per quello che sta succedendo e che non fa presagire nulla di buono la colpa è comune. la colpa di un non popolo senza identità, dignità ed onore. cercare scusanti è ipocrita ed accentua questi contenuti di vuoto assoluto che offende il vuoto stesso. l\'animalismo, ovvero la strumentalizzazione degli animali per fini propri è la peggiore violenza che si possa far loro ( agli animali).
2014-10-06 16:03:17
animalisti Di soliti quando si ha notizia di qualche violenza su animali arrivano subito gli animalisti sotto casa del colpevole e affiggono manifesti minacciosi, arrivando anche a minacciarlo di morte. Come mai in questo caso se ne stanno buoni come agnellini??? Forse perché hanno paura che i magrebini gli facciano fare la fine del capretto?? Perché sia chiaro che, per un motivo o per l\' altro di questa gente abbiamo tutti (nessuno escluso) paura!!!!
2014-10-06 12:20:22
x ginolui Forse non ha presente che il cosi detto rito che Lei accenna sono decine di anni che si compie con mezzi meno brutali; non so (ma dubito) se ha mai visto morire un animale sgozzato ma La invito a vederlo: su you tube ne troverà
2014-10-06 09:43:40
scusate si mi intrometto credo ci sia una chiara differenza tra il \"rito\" del maiale, le galline etc. e la festa del sacrificio. noi lo facevamo, e lo facciamo tuttora per mangiare. questo è un rito religioso (che poi se lo mangino mi sembra una conseguenza ovvia - vorrei vedere). in futuro il musulmano di seconda/terza generazione, \"inquinata dal benessere occidentale\" non ci farà più caso, a meno che non succeda il contrario e allora in pianura padana gli allevamenti di maiali saranno convertiti a capre e pecore. contemporaneamente il silenzio assordante degli animalisti, decreta ufficialmente la derivazione politica di tale movimento (non ci voleva tanto a capirlo). già!! se poi vogliono i loro voti, cosa vuoi che sia. lasciamoli scannare pure in strada.