Multa di 400 euro a chi bestemmia «le divinità di qualsiasi religione»

Venerdì 26 Luglio 2019
21
PADOVA - Multa di 400 euro se si viene sorpresi a bestemmiare «contro le divinità di qualsiasi credo o religione» in un luogo pubblico. Lo stabilisce il nuovo regolamento di polizia urbana adottato dal Comune di Saonara,  in provincia di Padova. La «stretta» sul turpiloquio  è stata decisa dall'amministrazione, guidata dal sindaco Walter Stefan, e definisce nel testo le bestemmie in pubblico come «atti contrari alla pubblica decenza e alla sensibilità di persone terze presenti». «Al di là degli aspetti religiosi - afferma il primo cittadino - è un fatto culturale e riguarda ogni divinità. Vale per Allah, Buddha o Maometto. Non è questione di fare la morale, è però necessaria un'educazione di base che ormai manca da troppo tempo. Spiace sentire alcuni giovanissimi, spesso anche ragazze, che gridano e bestemmiano tra una parola e l'altra. Ognuno a casa propria è libero di fare ciò che vuole. Posso capire quando un'imprecazione esce dalla bocca perché magari qualcuno si fa male. Qua in Veneto è considerato un intercalare ma il nostro è un tentativo di arginare un malcostume che, soprattutto tra gli under 18, è diffusissimo». I cittadini verranno informati sulle sanzioni con un volantino stampato in quattro lingue, italiano, inglese, romeno e cinese.

  Ultimo aggiornamento: 27 Luglio, 13:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA