Bandiera venetista "vietata" allo stadio Euganeo di Padova

Lunedì 11 Novembre 2019
Bandiera venetista vietata allo stadio Euganeo di Padova
84

PADOVA - Vogliono entrare in curva con la bandiera raffigurante il leone di San Marco, simbolo della Serenissima Repubblica di Venezia, ma gli addetti alla sicurezza vietano l'ingresso del vessillo. E' successo ieri allo stadio Euganeo prima di Padova-Sudtirol, partita valida per il campionato di calcio serie C (e finita 0-1 per gli altoatesini). Il divieto ha colpito un ragazzo di 20 anni, accompagnato dalla mamma e dal fratello più piccolo, che hanno potuto accedere alla tribuna Fattori (settore ultras) solo dopo aver consegnato la bandiera.
VOTA IL SONDAGGIO 
Nella curva del Padova, la bandiera «incriminata» è sempre stata esposta senza problemi: l'episodio ha suscitato la reazione degli ultras che - nel secondo tempo - hanno staccato gli striscioni e hanno sospeso i cori per 5 minuti in segno di protesta, per poi riprendere a tifare intonando il coro «Bastardi, noi siamo il Veneto». Il questore Paolo Fassari ha detto che la normativa consente l'accesso solo alle bandiere delle due squadre in campo e al tricolore, aggiungendo che la bandiera con il leone di San Marco è da considerarsi «venetista».

IL GOVERNATORE   «Vietare l'ingresso in uno stadio alla bandiera con il Leone di San Marco dei tifosi è quantomeno incivile» ha detto oggi il presidente del Veneto Luca Zaia «Per quanto accaduto - ha aggiunto - chiederò l'intervento del ministro dell'interno».

LA QUESTURA «Da oltre 12 anni è in vigore una determinazione dell'Osservatorio Nazionale sulle manifestazioni sportive che consente di introdurre negli stadi striscioni o quanto ad essi assimilabili solo se preventivamente autorizzati»  spiega la questura di Padova. Nel rilevare che «possono liberamente essere introdotte ed esposte le bandiere riportanti i colori sociali delle due squadre che disputano l'incontro», la questura sottolinea «che anche in occasione della partita di Coppa Italia Padova-Vicenza, disputata lo scorso 6 novembre, è stato consentito l'accesso esclusivamente alle bandiere con i colori sociali delle due squadre in competizione. In entrambe le circostanze nessuna bandiera è stata sequestrata».

Ultimo aggiornamento: 20:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA