Un bacio sulla maschera per aiutarlo a respirare: struggente amore di moglie e marito ricoverati per Covid

Venerdì 8 Gennaio 2021
foto di repertorio

CITTADELLA - Un bacio sulla maschera che lo aiuta a respirare, le mani che si cercano e finalmente si stringono, nonostante il Covid. È la storia di una coppia di anziani padovani che si è reincontrata nella Terapia Semintensiva dell'Ospedale di Cittadella. Italo Salvadori e Antonia Guidolin, 72 anni lui, 74 lei, marito e moglie, ricoverati entrambi per Coronavirus ma con situazioni cliniche diverse, quindi in reparti differenti, non avevano più avuto alcuna relazione diretta. Quando la moglie è migliorata e non ha più avuto bisogno di ossigenazione, ha chiesto di lui: Sabrina, operatrice socio-sanitaria, l'ha seduta su una carrozzina e l'ha accompagnata al piano di sopra, dove c'era il suo Italo. Un abbraccio, e un bacio che non dimenticheranno, seppur in pigiama.

«È stata una cosa meravigliosa - commenta Rita Marchi, direttore dell'Area Semintensiva dell'Ospedale di Cittadella -, un incontro che ci ha fatto salire le lacrime agli occhi. Quando la signora, con un quadro clinico migliore del marito, in procinto di essere dimessa ha esternato il suo dolore al medico di guardia, i clinici hanno deciso di farglielo incontrare, anche se le sue condizioni, più serie, richiedono cure semi-intensive». Non si aspettavano certo di vedersi, «è stato un regalo enorme per entrambi. L'uomo è in ventilazione meccanica non invasiva, con la maschera oronasale perché non ha autonomia respiratoria - puntualizza - la moglie lo ha baciato proprio sulla maschera, incoraggiandolo, rincuorandolo e dandogli appuntamento a casa». 

Ultimo aggiornamento: 9 Gennaio, 19:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA