Italiana, liceale, di buona famiglia: come hobby i furti di vestiti e profumi

controlli in un negozio

di Nicoletta Cozza

PADOVA - L'eta è tra 14 e i 17 anni, anche se non mancano i 13enni. Di buona famiglia, quasi sempre italiani. E molto spesso di sesso femminile. E' l'identikit dei baby ladri emerso da un'indagine della Polizia locale di Padova che ha analizzato i reati compiti da minori nel corso del 2017. Su una settantina di furti in negozi e grandi magazzini, circa 50 risultano compiuti da ragazzine. Quasi sempre si tratta di studenti senza problemi economici e i cui genitori sono completamente all'oscuro delle malefatte di figli e figlie. «Molto spesso rubano per sfida o per gioco», dice il comandante della Polizia locale, Lorenzo Fontolan.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 20 Marzo 2018, 11:34






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Italiana, liceale, di buona famiglia: come hobby i furti di vestiti e profumi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2018-03-21 18:35:13
neuroni cercasi..
2018-03-21 18:34:35
Posto che essendo minorenni per la legge non sono imputabili, adesso i genitori di questi giovani "di buona famiglia" magari si danneranno per evitare che il buon nome venga macchiato da queste "ragazzate" dei loro cari figlioli ai quali non hanno mai negato nulla. Nemmeno qualche bello schiaffone al bisogno.
2018-03-21 17:35:01
Taccheggio: sempre esistito e sempre praticato dagli stessi personaggi: adolescenti ammalati da complesso di superiorita'
2018-03-21 17:34:29
L'indagine della Polizia di Padova potrebbe essere quella di altre città della penisola squilibrata, che avrebbe dato gli stessi dati. Forse è proprio la convinzione che le cause siano altre a far sì che non debbano esserci colpe proprie, ma attribuibili sempre a cause esterne, non ci sono le basi per l'autonomia, e lo dico senza retorica. Naturalmente in riferimento agli sparuti commenti relativi a questa notizia.
2018-03-21 13:16:38
Nuovi ladri? quando ero liceale io (parlo di oltre 40 anni fa) molti miei compagni (quasi tutti figli di facoltosi professionisti) rubavano nei negozi, soprattutto sportivi. Andavano per la maggiore gli speedo. Mi ricordo che ne beccarono uno, figlio di un avvocato.