Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Padova, il piano Assindustria per la città del futuro: ecco lo studio per l'area strategica Stazione-S.Lazzaro Tutte le mappe

Mercoledì 12 Gennaio 2022 di Mauro Giacon
Il piano Assindustria per la città del futuro: ecco lo studio per l'area strategica Stazione-S.Lazzaro

PADOVA - Nel clima euforico che circonda la montagna di denaro che arriverà a Padova con il Pnrr non bisogna perdere di vista cosa fare di questa città nei prossimi 50 anni. Un'Alta velocità non serve a nulla se poi sbarca nel deserto. Il nuovo piano urbanistico lo sta costruendo per il Comune l'architetto Stefano Boeri, che ha già diramato idee e suggestioni, come quella della città dei 15 minuti, dei borghi urbani o della stazione, fra ponti verdi, parchi e sopraelevate. Ma c'è bisogno di portare prodotto interno lordo per assicurare un futuro e disegnare una vocazione che è ormai già scritta: Padova città della sapienza. Con la sua università, il nuovo ospedale, l'hub dell'innovazione in fiera. Esiste una zona che rappresenterà il cuore della vocazione del millennio, è il trapezio come l'ha definito Assindustria Veneto centro, che va dalla stazione al nuovo policlinico. In questa zona ci sono 6mila aziende di servizi innovativi mentre altre 8mila sono sparse in provincia. Assicurano già oggi il 18 per cento del Pil.

LE CRITICITÁ

Assindustria Veneto Centro ha consegnato da poco al Comune le sue idee su come valorizzare quest'area. Con una raccomandazione unica: riservarla allo sviluppo esclusivo della soft city. Lo scopo è semplice: portare intelligenze e capitali. Ma per farlo bisogna preparare un cornice urbanistica di prim'ordine: edifici moderni, verde, mobilità facile. Per Assindustria il baricentro della rivoluzione sarà la Fiera con il Competence center, la scuola di ingegneria e il centro congressi. Ma ci sono molte cose da rivedere nel quadrante. Ad esempio l'area del Centro Giotto destinata al degrado se non sarà ripensata. E ancora Padova 1, il centro direzionale isolato cresciuto disordinatamente che va ricollegato alla città tanto che Assind propone una nuova viabilità. Poi c'è il collegamento con la zip da sempre deficitario. Gli imprenditori propongono di dedicare la linea ferroviaria al pubblico e portare le merci sulla gronda sud, vecchio progetto mai realizzato. Anche l'interazione viaria fra il nuovo ospedale e la città va ripensata. Allo stato attuale risulta molto deficitaria al punto che l'Arco di Giano così com'è oggi ovvero senza il sovrappasso sui binari, per lo studio resta insufficiente e incompleto. Venendo verso il centro città la seconda parte di via Tommaseo, dall'Nh hotel in poi continua ad essere poco sfruttata, mentre anche l'ingresso del tribunale va rivisto, risulta stretto e caotico per il traffico.

LA RIGENERAZIONE

Lo studio prevede poi tre grandi direttrici. La prima dalla Stazione alla Stanga. La seconda da qui al net center e la terza dalla Torre rossa al S. Lazzaro. La rigenerazione di queste aree passa per il parternariato pubblico-privato. In questo senso Assind immagina la creazione di tre Urban center, luoghi fisici nei quali aprire il dibattito con i cittadini sulle trasformazioni urbanistiche.

GLI SCENARI

Lo studio articola gli interventi urbanistici su tre scenari. Il 2025 con la sostituzione degli edifici fatiscenti con altri ad architettura sostenibile. Qui entra la nuova Via Savelli. Il 2030 con la revisione di Padova 1 e la ristrutturazione di interi complessi residenziali verso la città accogliente che limita la mobilità delle auto. E il 2030 con il completamento delle grandi infrastrutture (stazione-ospedale) e la creazione di parchi urbani e aree di rigenerazione urbana sostenibile. Ma soprattutto il completamento delle infrastrutture digitali con reti veloci e tecnologia diffusa. Ne fanno parte anche accorgimenti come la mobilità a guida autonoma guidata da telecamere intelligenti.

Ultimo aggiornamento: 09:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci