Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Si tuffa per salvare due bagnanti e muore, commercio in lutto per Andrea Zanella: «Una perdita per la nostra città»

Il commerciante aveva due bypass ma si è gettato lo stesso in acqua. Pellizzari (Acc): «Una persona battagliera, ho perso un amico oltre che un collega»

Mercoledì 17 Agosto 2022 di Silvia Moranduzzo
Andrea Zanella è morto per salvare due persone

PADOVA - Si è gettato in mare per salvare padre e figlio, nonostante i due bypass di quest'inverno. Andrea Zanella, 68 anni, titolare del negozio Pinaider di via Zabarella è morto per salvare delle vite. «Quando abbiamo letto la notizia non ci potevamo credere - dice Massimiliano Pellizzari, presidente dell'Associazione commercianti del centro - Incredibile pensare come in un attimo possano accadere drammi simili. È davvero una perdita per la nostra città».

Il fatto

Zanella era in vacanza a Porto Ercole, in provincia di Grosseto. Qualche giorno di ferie prima di tornare al suo amato negozio. Mentre si trovava in spiaggia, ieri 16 agosto, ha visto il bagnino lanciarsi in aiuto di due persone, padre e figlio, che si sbracciavano in evidente difficoltà nell'acqua. Zanella è corso dietro al bagnino per aiutarlo e insieme sono riusciti a portare a riva i due bagnanti. Immediatamente è apparso affaticato. Il cuore non ha retto e il commerciante si è accasciato sulla sabbia. A nulla sono valsi i soccorsi. La spiaggia per qualche ora è stata chiusa per i rilievi.

Il ricordo

«Era una persona battagliera, avevamo punti di vista simili sul rilancio del centro storico di Padova - prosegue Pellizzari - Per l'Acc era il referente di Borgo Altinate, era una fucina di idee. Sapevo che sarebbe andato in vacanza in Toscana e quando ho appreso che un padovano era morto a Porto Ercole ho sentito un tuffo al cuore. Ho perso un amico, oltre che un collega».

«Incredulità e un grande dolore per la scomparsa tragica e al tempo stesso eroica di un collega, ma prima di tutto di un amico». Patrizio Bertin, presidente dell'Ascom Confcommercio di Padova, ha condiviso anni di battaglie, di iniziative, di caffè presi al volo e anche di schermaglie dialettiche oltre che di vicinanza fisica dei rispettivi esercizi in via Zabarella per non essere profondamente colpito e addolorato per la scomparsa di Andrea Zanella. «Andrea - continua - è stata una figura di enorme importanza per il commercio cittadino. Impegnato per dare pari dignità e opportunità commerciali a quello che è diventato per tutti Borgo Altinate, non ha mai fatto mancare il suo contributo, talvolta critico ma sempre costruttivo, per consolidare nel tempo la grande tradizione del commercio padovano. D'altra parte - aggiunge Bertin - il suo negozio, con la classe che lo contraddistingue, ha sempre rappresentato un punto di riferimento per chi, all'ordinario preferisce qualità, servizio, consiglio. Alla famiglia va l'abbraccio più sincero di tutto il commercio padovano che ad Andrea deve un enorme grazie di riconoscenza per ciò che ha realizzato e per lo sprone che, in tanti anni di lavoro, ha saputo offrire a decine di colleghi».

Ultimo aggiornamento: 15:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci