Agrex, l'azienda rassicura gli operai: «I vostri stipendi verranno pagati»

Venerdì 17 Gennaio 2020 di Barbara Turetta
Manifestazione a Venezia dipendenti della Agrex

VILLAFRANCA - «Vogliamo rassicurare i lavoratori e le loro famiglie che nessuno intende voltar loro le spalle e che la nostra intenzione è di far crescere l’azienda come abbiamo fatto in questi primi sei mesi, ovvero da quando abbiamo preso in affitto un ramo dell’ex Agrex Spa, diventata poi Mo.Pe.Ri. E ci teniamo a precisare che con il fallimento di quest’ultima noi non abbiamo nulla a che fare». Vuole fare chiarezza Fernando Zaramella, ex sindaco di Curtarolo e oggi rappresentante della società proprietaria della Agrex Srl di via Balla a Villafranca Padovana, in merito al mancato pagamento degli stipendi ai lavoratori che in queste ultime settimane si sono mobilitati affiancati dalla Fiom Cgil di Padova e con due incontri organizzati in Regione. «Gli stipendi di novembre sono stati accreditati oggi (ieri, ndr) - precisa Zaramella - e nei prossimi giorni intendiamo pagare anche dicembre e la tredicesima, oltre a saldare tutte le posizioni debitorie con i fornitori. Quello che voglio sia chiaro è che nessuno ha intenzione di abbandonare l’azienda, ma è indubbio che la crisi che da tempo ha colpito la ex Agrex Spa, andata poi in concordato preventivo lo scorso 8 luglio, di riflesso ha sfiorato anche noi. Il 4 giugno la nostra società ha preso in affitto un ramo d’azienda riuscendo a mantenere vivo il marchio Agrex che per cinquant’anni è stato leader, e lo è tutt’ora, nella realizzazione di macchinari agricoli, essiccatoi e molini».
FATTURATO
«Da giugno ad oggi non solo abbiamo prodotto lo stesso fatturato che la Agrex Spa aveva fatto in un anno, – continua Zaramella –, ma abbiamo anche incrementato le assunzioni del 10% con l’inserimento di cinque nuove unità. Nell’ultimo mese c’è stato un nuovo assestamento nel Cda della Agrex con l’uscita di Roberto Barbieri che deteneva il 20% della società ed era presidente della Mo.Pe.Ri., una situazione di difficoltà che abbiamo affrontato con tutta l’intenzione di andare avanti. Ad ottobre abbiamo verificato l’ottimo equilibrio economico della Agrex – ha concluso Zaramella -, le prospettive sono molto interessanti: noi vogliamo espanderci, e porteremo avanti l’azienda. Il lavoro è ripreso anche se non a pieno regime per mancanza delle materie prime di cui ci stiamo approvvigionando, ma l’obiettivo è quello di riprendere a pieno ritmo nel giro di pochi giorni perché abbiamo veramente molti ordini già acquisiti, e molte trattative di vendita dei nostri prodotti già in fase avanzata con i nostri clienti». 
 

Ultimo aggiornamento: 13:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA