Brutale aggressione davanti al pub: denunciato un 29enne. La vittima è ancora in coma

Martedì 19 Ottobre 2021 di Marco Aldighieri
Il piazzale davanti al pub dove venerdì notte c'è stata la brutale aggressione

PADOVA - Il picchiatore del pub è finito nella rete tesa dalla polizia. Gli uomini della Squadra mobile, grazie a due testimoni oculari, hanno identificato e individuato A. M. padovano di 29 anni. Il giovane, al momento, è stato indagato a piede libero per lesioni aggravate. Ma le indagini condotte dal pubblico ministero Marco Brusegan sono solo all’inizio. 
La vittima, un 38enne padovano, è ancora in coma farmacologico e ricoverato nel reparto di Rianimazione dell’ospedale civile. In città è conosciuto per essere stato un pr (pubbliche relazioni) di locali e discoteche. Ma anche per avere organizzato numerose feste universitarie e ultimamente tornei di calcio a cinque. 


I FATTI 
Intorno alle 3 di venerdì notte i titolari del pub St John’s hanno allertato il 118, segnalando la presenza in piazzale San Giovanni di un uomo immobile a terra. Medici e paramedici si sono trovati davanti il 38enne padovano privo di sensi. La situazione è apparsa fin dai primi istanti critica e al giovane una volta arrivato al pronto soccorso è stato indotto il coma farmacologico. L’obiettivo è sperare nella riduzione dell’ematoma al cervello, ma le sue condizioni sono molto gravi. In piazzale San Giovanni è intervenuta anche la polizia con la sezione Volanti. Gli agenti, sentendo a sommarie informazioni alcuni avventori del locale, hanno in parte ricostruito l’aggressione al pr. 
Sarebbe stato colpito da un violento pugno al volto a seguito di un alterco con un altro giovane italiano. Stordito, avrebbe perso l’equilibro e battuto il capo sull’asfalto. Il picchiatore sarebbe poi scappato facendo perdere le proprie tracce. 


LE INDAGINI 
Il caso è poi passato alla Mobile e gli inquirenti, già nella giornata di venerdì, hanno sentito il racconto dettagliato di due testimoni oculari. Una prova determinante, considerando l’assenza di telecamere della videosorveglianza installate su piazzale San Giovanni. Così i poliziotti sono riusciti a identificare e a individuare il presunto aggressore. Si tratta di A.M. di 29 anni, per ora denunciato a piede libero per lesioni aggravate. Agli investigatori ha racconto di conoscere il 38enne in coma solo di vista e che quella sera si erano trovati casualmente nello stesso pub. 
In molti li avrebbero visti insieme a parlare e a bere. Il 29enne, che ha nominato l’avvocato di fiducia Riccardo Mannara, per mantenersi da vivere farebbe lavori saltuari. Nelle prossime ore verrà sentito dalla Squadra mobile alla presenza del suo legale. Intanto la Procura ha chiesto al Gip di poter analizzare i tabulati telefonici sia della vittima e sia dell’aggressore. È necessario ricostruire la serata e perchè i due all’esterno del locale si sono messi a litigare. Le prossime ore saranno anche decisive per le sorti del 38enne. La prognosi rimane riservata con un quadro clinico molto grave. 
 

Ultimo aggiornamento: 18:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA