Abusi sui baby calciatori, la Cassazione annulla la condanna del mister

Lunedì 24 Febbraio 2020
1

PADOVA - Annullata oggi dalla Cassazione con rinvio per nuovo processo, per la mancanza di riscontri alle dichiarazioni dei minori e lacune su «elementi di dubbio», la condanna per abusi sessuali a tre anni e 4 mesi di reclusione nei confronti di Davide Z., allenatore di calcio con la tessera Figc e un diploma dell'Isef, accusato in primo e secondo grado di aver molestato nel 2009 tre ragazzini di 5 anni a Noventa Padovana e a Limena, nel padovano.

Ad avviso della Suprema Corte, la sentenza emessa dalla Corte di Appello di Venezia il 18 aprile 2018 «non risulta aver sufficientemente motivato il giudizio di attendibilità del racconto dei minori, nè vagliato adeguatamente». Gli 'ermellini' rilevano «l'assenza di qualsiasi conseguenza traumatica sui bimbi» e fanno presente che «in sede di incidente probatorio i bambini avevano affermato di non ricordare nulla dei fatti imputati» all'allenatore «ed anzi gli stessi avevano ripetuto più volte che il maestro li aiutava solo ad urinare», come spiegato dallo stesso imputato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA