Sabato 9 Febbraio 2019, 21:15

Spunta in Cadore un ghiacciaio nascosto ​sotto i larici e gli abeti del pascolo

PER APPROFONDIRE: casera razzo, ghiacciao, vigo di cadore
Emanuele Forte sorride dietro ad un foto sul ghiaccio. E' lui uno dei ricercatori coordinati da Renato Colucci che hanno contribuito a scoprire il deposito a Casera Razzo dopo una serie di indagini

di Giovanni Longhi

BELLUNO - L’idea che quel pascolo punteggiato di larici e abeti a Casera Razzo potesse nascondere un piccolo tesoro geologico è venuta ai ricercatori delle università di Trieste guidati da Renato Colucci. Era il 2015 quando lì, a 1800 metri di quota, a ovest dell’edificio che ospitava la malga, a un centinaio di metri dall’incrocio che salendo da Vigo porta a Sauris o in Val Pesarina, a pochi metri dal confine con il Friuli Venezia Giulia, vennero avviate una serie di indagini per verificare la formazione geologica sottostante. Una verifica scientifica che rientra nel contesto di studi incentrati sui cambiamenti climatici e sulle loro conseguenze per l’ambiente.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Spunta in Cadore un ghiacciaio nascosto ​sotto i larici e gli abeti del pascolo
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2019-02-10 19:33:15
in pratica la natura ha costruito una ghiacciaia molto prima che lo facesse l'uomo e di cui molti esempi si trovano ancora nelle ville patrizie e che sarebbero ancora funzionanti se tenute in uso.
2019-02-10 07:07:59
Non bisogna divulgare..si corre il rischio di trovare poi rifiuti dei visitatori.
2019-02-10 11:22:37
Ha ragione! Andavo a casera Razzo 50 anni fa, quasi ogni estate. Ci sono tornata circa 5/6 anni fa e sono rimasta incantata nel ritrovarla come me la ricordavo da bambina. Ormai non mi succede più, da nessun'altra parte!
2019-02-11 16:55:22
Si ci sono parecchi incivili in giro