Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Turismo sulle Dolomiti, avvio di stagione con il botto: «Il Giro ha fatto da volano»

Domenica 5 Giugno 2022 di Marco Dibona
Avvio di stagione con il botto in montagna

CORTINA  - «Questo primo scampolo della stagione turistica estiva non si presenta per nulla male, anzi. Le prime indicazioni che rileviamo sono del tutto positive, anche perché sono tornati gli stranieri, oltre agli ospiti italiani». Esprime tutta la sua soddisfazione Walter De Cassan, presidente di Federalberghi Belluno Dolomiti, nel commentare l’avvio della stagione turistica estiva, segnato da una buona presenza di ospiti, nel ponte festivo fra il 2 giugno, ricorrenza della Repubblica italiana, e domenica 5. «La parte alta della provincia è già animata da un buon andamento turistico – conferma De Cassan – iniziato già la scorsa fine di settimana, grazie alla tappa regina del Giro d’Italia ciclistico e alle festività nel mondo di lingua tedesca. In quei giorni, fra Ascensione e Giro d’Italia, è stato davvero un bel momento per le nostre attività. Confidiamo che questo avvio possa essere preludio di una buona stagione, di ripresa del turismo in montagna». 

LE INIZIATIVE
A Cortina ieri c’era un buon movimento di turisti, con l’impegno delle attività ricettive già in funzione. Ci sono già diverse attività che hanno iniziato a lavorare, in montagna, approfittando proprio del periodo favorevole. Da giovedì 2 a ieri c’è stata una intensa frequentazione dei rifugi e degli impianti di risalita già aperti. Ieri il piazzale della seggiovia delle Cinque Torri, a Bain de Dones, era pieno di auto, per l’apertura della seggiovia che sale alle Cinque Torri. Buon movimento al passo Falzarego, alla funivia che sale al Lagazuoi, e sugli altri valichi delle Dolomiti, presi d’assalto dagli escursionisti. Nel comprensorio del consorzio Delicious Cortina, fra i passi Giau e Falzarego, sono già aperte diverse attività ricettive e altre stanno per iniziare a lavorare in questi giorni. Sono già aperti da maggio il rifugio Fedare e l’albergo La Baita; ha aperto Baita Resch; l’albergo Argentina di Pocol; il rifugio al Lago d’Aial; il rifugio Lagazuoi. 

CHI ASPETTA
Alle attività di escursionismo e alpinismo si sommano le iniziative culturali e storiche, legate alla Prima guerra mondiale, nelle aree delle trincee, dei musei all’aperto. Ha iniziato l’attività il rifugio Nuvolau, sulla vetta del monte, anche se l’apertura competa e ufficiale avverrà il 10 giugno. Lo stesso giorno aprirà anche il rifugio Averau e sabato 11 il Cinque Torri. A metà mese si aggiungono i rifugi Croda da Lago, Scoiattoli e Col Gallina. Il 19 giugno sono previsti i festeggiamenti al rifugio Giussani, in forcella Fontana Negra, sulla Tofana, per i cinquant’anni della struttura, di proprietà della sezione di Cortina del Club alpino italiano. 

LO SPORT
A Cortina c’è lo sport che ha una funzione preziosa di volano turistico: oggi sono attesi 2.200 concorrenti alla Cortina Dobbiaco Run. Fra una ventina di giorni saranno cinquemila gli iscritti alle quattro gare della Lavaredo Ultratrail, prevalentemente stranieri, provenienti da 76 nazioni. Molti di loro non verranno soltanto per il giorno della gara, ma si fermeranno sulle Dolomiti per un periodo più lungo, coglieranno l’occasione per scoprire un territorio dalla forte attrattiva, soprattutto per chi pratica sport. Nella fine settimana di domenica 19 arriveranno centinaia di giocatori di curling, di tutto il mondo, per il ritorno del tradizionale torneo estivo. A Cortina sono già programmati gli avvii di diverse altre attività, in giugno, quindi con un prolungamento della stagionalità. La funivia del Faloria apre sabato 11 giugno. Una settimana più tardi, sabato 18, saranno in funzione gli impianti dell’area Tofana, le seggiovie Roncato, Tofana Express a sei posti, i due impianti per i rifugi Duca d’Aosta e Pomedes; i tre tronchi della Freccia nel Cielo, a cominciare dalla cabinovia per il Col Druscié, poi a Ra Vales e sino alla cima della Tofana di Mezzo. Sul Cristallo aprirà la seggiovia per Sonforcia, punto di partenza per escursioni lungo entusiasmanti vie ferrate. 

Ultimo aggiornamento: 13:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci