L'allarme del Parco: «Troppi turisti e rifiuti, il lago di Sorapis è a rischio»

Giovedì 24 Agosto 2017
L'allarme del Parco: «Troppi turisti e rifiuti, il lago di Sorapis è a rischio»
9

CORTINA - La bellezza può soffocare, può recare danno, quando esercita un'attrazione eccessiva. E' quello che rischia il lago del Sorapis, incantevole specchio d'acqua, dal colore incredibilmente azzurro, destinazione quotidiana di tanti, forse troppi turisti. 
«In una bella giornata d'estate si contano anche più di tremila persone al giorno, che percorrono il sentiero principale verso il lago, dal passo Tre Croci», conferma Michele Da Pozzo, dottore forestale delle Regole e direttore del Parco delle Dolomiti d'Ampezzo. 
«In passato abbiamo ricevuto contributi per sistemare proprio quel sentiero e l'itinerario che da Ru Curto porta alla Croda da Lago, per metterli in sicurezza, perché sono i due sentieri più frequentati della conca. Entrambi portano a un lago». 
Sull'origine del fenomeno, Da Pozzo riflette: «Credo sia frutto dell'esposizione sui social. Il lago del Sorapis è un luogo molto bello, del tutto particolare, e la forza di quell'immagine ha una forte attrattiva. Vengono da tutto il mondo, per vedere quel lago». 
E magari per farci il bagno, come accade ormai frequentemente. Tutto ciò comporta dei rischi per l'ambiente. «Noi stiamo tenendo sotto controllo una situazione problematica, sia per l'afflusso dei turisti, sia per il possibile inquinamento. La pressione dell'uomo in un'area così ristretta e delicata può avere conseguenze negative. Si può arrivare all'eutrofizzazione del lago, alla modifica delle sue caratteristiche biologiche. C'è il rischio di superare il limite di sopportazione dell'ambiente. Uno dei problemi principali deriva dai rifiuti, di ogni genere, anche organici, che tremila persone lasciano ogni giorno, sulle rive del lago». 
 

Ultimo aggiornamento: 25 Agosto, 12:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA