Muffe, sporco, liquidi nel camion tra i carichi di carne e latticini: 5 autotrasportatori multati

Lunedì 10 Maggio 2021
Cinque camionisti multati per trasporto "illegale" di carni e latticini
1

FELTRINO - Seimila euro di multe a 5 autotrasportatori che avevano stoccato alimenti nei loro mezzi in maniera "illegale". Lo comunica la polizia Stradale: «Le attività di accertamento hanno consentito di rilevare ben cinque trasporti irregolari». L’ultimo in ordine di tempo è stato messo in atto nella giornata di giovedì 6 maggio sulla SP1 in località Limana, e ha consentito di intercettare e sanzionare un trasporto di carni surgelate, uova e latticini freschi sistemati sul mezzo in maniera eccessivamente promiscua, tale da comprometterne i requisiti igienici generali minimi previsti dalla normativa.

Analoghi accertamenti erano già stati effettuati nel mese di aprile scorso, durante il quale sono stati fermati e sanzionati altri trasporti di alimenti con varie irregolarità riscontrate dal punto di vista igienico sanitario. In particolare, in uno di essi, intercettato sulla statale SS 50 a confine con la limitrofa provincia di Trento, veniva contestata la cattiva sistemazione di carne fresca, che non solo risultava essere in contatto con le pareti della cella isotermica, ma dalle quali percolava pure del liquido che gocciolava sui cartoni posti sul pianale, a loro volta contenenti della carne. Nell’altro caso, in località Alano di Piave, veniva fermato un veicolo privo di adeguata manutenzione ed igienizzazione, con muffe e sporco sedimentato rilevati dalla pattuglia intervenuta, nonché una temperatura non adeguata alla conservazione della merce trasportata (nel caso specifico frattaglie congelate). In un’altra occasione ancora, sulla SP1 in località Borgo Valbelluna, era stato fermato e sanzionato un trasporto di latticini e derivati che erano stati sistemati sul mezzo in maniera tale da determinare un rischio di contaminazione del prodotto. All’esito degli accertamenti effettuati, sono state elevate sanzioni amministrative per un importo complessivo di 6.000 euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA