Domenica 16 Giugno 2019, 12:56

Dai ruderi dell'ex stazione nasce un ostello con bar e ristorante

PER APPROFONDIRE: ostello, pieve di cadore, tai
Dai ruderi dell'ex stazione nasce un ostello con bar e ristorante

di Giuditta Bolzonello

PIEVE DI CADORE - Alla Stazione, b&b con ristorante e bar, ha aperto ieri i battenti fra l'entusiasmo dei ciclisti, che possono contare su un nuovo punto di sosta lungo la ciclabile, e della gente di Pieve che vede nel recupero dell'ex stazione ferroviaria di Tai di Cadore un segnale positivo, di ripresa. In tanti hanno aderito all'invito dei titolari, Cecilia e Federico, ed hanno partecipato all'inaugurazione che, come nella miglior tradizione, dopo la benedizione di don Alberto Larese ha vissuto il taglio del nastro a più mani. È stato fatto un restauro completo: quello che era rimasto della vecchia stazione della Ferrovia delle Dolomiti era ridotto ad un rudere. Chiusa la tratta Calalzo-Cortina nel 1964, dismessi binari e immobili
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Dai ruderi dell'ex stazione nasce un ostello con bar e ristorante
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2019-06-17 11:02:02
Tutto quello che ricorda il mitico trenino costituisce un'ottima iniziativa, anche se l'ideale sarebbe proprio riattivare la ferrovia !
2019-06-17 16:04:16
L'avevano chiusa (la ferrovia) perchè non veniva utilizzato il treno quindi non ha alcun senso riaprire (spendendo miliardi di euro) una tratta inutile. Viene già usata pochissimo anche la tratta che porta a Calalzo, che i nostalgici se la mettano via! Ben vengano queste riqualificazioni degli edifici, bravo Federico!
2019-06-19 00:55:53
Questa squisita cortesia nel rispondere ce l'ha dalla nascita o ha frequentato dei corsi appositi ?
2019-06-16 20:32:50
La strada della ex ferrovia ha parecchi punti di interesse. Ckè un buon ostello a Calalzo, poi la stazioncina dell’articolo, il baretto a Valle di C., quello a Vodo (anche quello nella ex stazione, un piccolo museo nella stazione di S.Vito. Insomma per un cicloamatore ce n’è di che saziarsi.
2019-06-16 18:20:11
Purtroppo la ferrovia non c'è più. Ricordo la graziosa stazioncina, nella quale, alla fine della vacanza, con i miei genitori attendevamo l'arrivo del treno per tornare a casa. Mi piace perciò che essa riviva anche se con un utilizzo diverso.