Da Lecce a Belluno per diventare manager: 200 studenti alla Business school Luiss

Martedì 21 Settembre 2021 di Federica Fant
Oltre 200 partecipanti alla Business school di Belluno

BELLUNO - Prima l’Open Day a fine settembre e poi, in autunno, sono pronti sulla linea di partenza sei programmi formativi all’Hub “Veneto delle Dolomiti”, il nuovo polo di alta formazione, consulenza e ricerca applicata nell’area del business e management rivolto alle imprese presenti su un territorio storicamente ricco di eccellenze imprenditoriali e industriali. «Questi sei programmi sono figli del successo ottenuto lo scorso anno – ha fatto notare, con una certa soddisfazione, Enzo Peruffo, docente ordinario di Strategia d’impresa della Luiss Business School -. L’offerta formativa autunnale e l’Open Day del 30 settembre, ovvero la giornata di orientamento dedicata a studenti e aziende, sono i prossimi passi dell’esperienza bellunese». 

I SOGGETTI
Costituito da Luiss Business School in collaborazione con Confindustria Belluno Dolomiti, Provincia di Belluno, Comune di Belluno, Comune di Feltre e Consorzio Bim Piave di Belluno, l’ Hub che ha sede a Palazzo Bembo in via Loreto a Belluno, colma un vuoto formativo in una provincia che ha visto la nascita e la crescita di distretti industriali e di rilevanti industrie nazionali e internazionali. L’Hub ha lo scopo di sviluppare iniziative di formazione, consulenza e ricerca in base alle specifiche esigenze del territorio. Un discreto successo, stando a quanto riferito ieri, lo ha avuto anche il programma di Hotel management pensato per permettere ai partecipanti di migliorare le proprie competenze nel management alberghiero e sfruttare al massimo le grandi opportunità̀ del settore. La Luiss ha solo altre due sedi in Italia, a Roma e a Milano. 

L’INTERVENTO
Era presente la presidente dell’associazione degli industriali bellunesi, Lorraine Berton, che ieri ha ribadito l’importanza della formazione del capitale umano che si impegna nelle imprese. «L’economia si sta riprendendo molto bene, anche a Belluno, ma sappiamo quanto l’impresa funzioni a pari passo con un’adeguata formazione. Siamo tutti entusiasti di questo nuovo anno che ci troviamo davanti, ci aspettiamo qualcosa di grande. L’entusiasmo si fa sentire nel territorio bellunese». Enzo Peruffo, alla guida del master in Business Administration, ha poi fornito alcuni dati che hanno classificato con dati la scuola di alta formazione, l’Hub “Veneto delle Dolomiti”. «Dall’apertura dell’Hub abbiamo lanciato 12 percorsi formativi, contiamo oltre 200 partecipanti con 35 aziende che si sono impegnate in oltre mille ore si formazione, sia in presenza che a distanza, tramite gli strumenti tecnologici». Si parla di neolaureati ma anche di dirigenti d’azienda che desiderano elevare le proprie competenze e che raggiungeranno Belluno da tutto il Nordest, soggiornando in città per un paio di giorni per seguire i corsi. 

IL PRECEDENTE
L’anno scorso uno studente che frequentava l’Hub bellunese arrivava da Lecce, molti dall’Emilia Romagna e qualcuno dal centro Italia. «Il fattore chiave per una Business School di alto livello è porre l’attenzione alla formazione di manager che devono affrontare uno scenario competitivo globale, digitalizzato ed estremamente veloce; ma che siano anche in grado di sviluppare una personale visione strategica nell’avvio o riqualificazione della propria carriera», ha specificato il docente. L’offerta formativa presentata ieri conta sei programmi: un Corso di amministrazione, finanza e controllo, quello di Hotel management (partito dalla vocazione del territorio), un altro su Project Management Executive, a novembre ne partirà uno sull’organizzazione e la gestione delle risorse umane e infine due corsi inerenti al marketing: Digital marketing e Marketing & Sales. Nel sito sono presenti i dettagli dei programmi. 

Ultimo aggiornamento: 07:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA