Sappada non è più veneta? E Belluno presenta il conto per la pulizia dalla neve al Friuli

PER APPROFONDIRE: belluno, conto, friuli, neve, pulizia strade, sappada
Sappada non è più veneta? E Belluno presenta il conto per la pulizia delle strade dalla neve al Friuli
BELLUNO - La Provincia presenta il conto al Friuli Venezia Giulia: per il piano neve di Sappada sono 25mila euro. Una cifra che potrebbe anche crescere in caso di altra neve. Da Palazzo Piloni l'hanno detto ancora a fine dicembre, quando si sono accorti che erano state le tute arancione di Veneto Strade ad effettuare lo sgombero neve a Sappada durante le precipitazioni degli ultimi giorni dell'anno: «Faremo i conti». Adesso, i conti ci sono. E martedì prossimo il consiglio provinciale certificherà le cifre. Inoltre, Palazzo Piloni traslocherà oltre confine gli oneri legati a Sappada (con la ricognizione e la determinazione della rete stradale da trasferire alla Regione Friuli Venezia Giulia).

«Abbiamo calcolato i costi sostenuti dal 16 dicembre (data ufficiale del passaggio di Sappada in Friuli, ndr) a oggi - spiega Silvano Vernizzi, amministratore delegato e direttore di Veneto Strade -. Tra lo sgombero neve del 27-28 dicembre e quello del 7 gennaio sono stati spesi 18mila euro. Se ci aggiungiamo il sale fino fine mese, il conto arriva a 25mila euro». Si tratta di soldi che Friuli Strade (o la Regione Fvg) dovranno versare nelle casse di Veneto Strade. «Poi a breve definiremo anche il trasferimento a Friuli Strade dei 16 chilometri di strade di Sappada, tra provinciali e regionali e di una casa cantoniera - conclude Vernizzi -. Per comodità logistica, potremmo gestire noi il piano neve fino a fine inverno. Chiaramente in quel caso il conto aumenterà».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 26 Gennaio 2018, 10:17






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Sappada non è più veneta? E Belluno presenta il conto per la pulizia dalla neve al Friuli
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 29 commenti presenti
2018-01-28 11:07:08
Questo modo di agire mi sembra corretto. strano per la politica, ma ogni tanto usano il buon senso. E una speranza per il futuro.
2018-01-27 11:24:39
se i 20 mln di € di un referendum inutile, fossero stati utilizzati a favore dei comuni del bellunese che , a confronto con i confinanti comuni trentini e friulano , sembrano "dei figli di nessuno", magari le cose sarebbero andate diversamente
2018-01-27 22:01:13
Le cose andrebbero ancora meglio se la maggioranza dei cittadini del Veneto alle ultime elezioni "regionali" del 2015 avessero votato in massa per Indipendenza Veneta. Allora vuol dire che così male non si sta in Itaglia oppure i cittadini del Veneto sono dei gran gnocchi.
2018-01-27 08:29:04
Non è che solo Sappada non è "veneta", è che tutto il bellunese pressa per passare, chi al Friuli, chi al Trentino. Sono più di trent'anni che Cinto Maggiore, Lamon Cortina, Livinalongo, Sovramonte, Pedemonte, Colle Santa Lucia, eccettera, eccetera, non vogliono restare nella Regione istituita nel 1970, perché, evidentemente, non si sono mai sentiti inclusi. A cascata, seguiranno: euganei, cimbri, polesani, retoveronesi, friulani del portogruarese…
2018-01-27 11:44:28
Parlar par gnente è il tuo hobby. Quando il Veneto...pardon l'Euganea tornerà indipendente, vedrai che a cascata tutti vorranno passare alla Serenissima Euganea.