Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Samantha, la mamma in obitorio le colora i ciuffi dei capelli: «Così come piaceva a lei»

Martedì 22 Marzo 2022 di Eleonora Scarton
Samantha d'Incà

FELTRE - Era un momento atteso. Mamma Genzianella Dal Zot e papà Giorgio D'Incà sapevano che prima o poi questo sarebbe accaduto. Ma i genitori non sono mai pronti a dire addio ai loro figli. È contro natura. Dovrebbero essere i figli a dire addio ai loro genitori. Ma la loro storia è stata straziante. Per poter ridare la pace e la dignità a Samantha hanno dovuto compiere una vera e propria battaglia legale che avrebbe sfiancato chiunque. Eppure loro hanno sempre tenuto la barra dritta. Non hanno mai ceduto. Perché per i figli si è pronti a fare questo, ed altro. E al dolore e alla sofferenza di avere una figlia in coma vegetativo irreversibile, si è affiancata una battaglia. Che finalmente hanno vinto. Per Samantha, che avrebbe compiuto 31 anni tra pochi giorni: il 28 marzo.


SEMPRE ACCANTO

l 14 marzo è stata sospesa la terapia nutrizionale tramite peg, il sondino che alimentava la giovane, e ha preso avvio il percorso farmacologico con le cure palliative per ridurre la sofferenza. «Poi, il 18, c'è stato un ulteriore peggioramento e per questo le è stata fatta la sedazione profonda che l'ha accompagnata fino alla morte, avvenuta sabato mattina alle 7.30», racconta mamma Genzianella, che prosegue spiegando che «le siamo stati accanto, io e il papà. Le abbiamo stretto la mano, l'abbiamo accarezzata. Il dolore è immenso, ma quello che ci rasserena è che Samantha ora non soffre più. Ha fatto come una candela, si è consumata fino a spegnersi. Lei non voleva vivere così, abbiamo dato seguito a quelle che erano le sue volontà».


LA DIGNITÀ

I genitori hanno voluto ridare la dignità e il rispetto che 14 mesi di ospedale, fra tubi, aghi e pannoloni, le hanno tolto. Dopo la scomparsa, mamma Genzianella ha voluto stare con lei in obitorio. Ha voluto farle i capelli con i ciuffi colorati affinché fossero in ordine e belli, come Samantha amava. Le ha preparato i vestiti che le piacevano di più con cui poi è stata vestita. L'ha accarezzata e coccolata per farle sentire che non era sola.


L'ULTIMO SALUTO

L'ultimo saluto sarà dato dalla famiglia, in forma strettamente privata, in un luogo e in una giornata che non comunicheranno a nessuno. Sarà un momento tutto loro. Com'è giusto che sia dopo questi interminabili mesi. Samantha verrà poi cremata, come avevano già affermato mesi fa i famigliari, e poi sarà tenuta l'urna in casa. Almeno per il momento. Poi i genitori vedranno se sarà possibile dar seguito alla volontà di spargere le ceneri in mare.


IL CORDOGLIO

Sono tante, tantissime le persone che in queste ore hanno voluto esprimere un messaggio di vicinanza alla famiglia ma che hanno anche voluto lasciare un pensiero sul profilo facebook di Samantha. Un'ondata di affetto che darà sicuramente una grande forza alla famiglia, ai genitori ma anche al fratello gemello ed alla sorella, 

Ultimo aggiornamento: 17:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci