Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Centomila sulle Dolomiti per vedere i protagonisti tra tv accese e vino rosso

Domenica 29 Maggio 2022 di Marco Dibona
Jai Hindley, la nuova maglia rosa, sul Fedaia

BELLUNO - Le previsioni della vigilia, di centomila persone sui passi delle Dolomiti per veder passare il Giro d’Italia, sono state rispettate, a dispetto del tempo, che minacciava temporali ma poi ha graziato corridori e spettatori. Di certo di gente ce n’era davvero tanta, su ogni rampa, ogni salita, breve o lunga, dalla partenza di Belluno fino al traguardo, in cima alle terribili erte del Fedaia. Il fascino della fatica, della sofferenza di spingere sui pedali, nell’ultima tappa di montagna di questa edizione tremenda del Giro, ha coinvolto tifosi e appassionati. Il passo San Pellegrino all’inizio ha già visto una buona presenza di bandiere e striscioni. Il Pordoi iconico, una delle immagini storiche del Giro, quest’anno Cima Coppi, ha richiamato una bella folla. È stato però soprattutto il Fedaia, il valico della Marmolada, con le sue pendenze micidiali, a richiamare i cultori del ciclismo eroico. La coda di persone in attesa delle navette si è allungata sin dal mattino, nella piana fra il lago di Alleghe e Caprile, il paesino sul Cordevole da dove partono le strade per i passi Giau, Falzarego, Campolongo, Pordoi e Fedaia, crocevia di passioni. «È proprio la passione che mi ha fatto partire da Cortina in bici, per arrivare sino qui, superati due passi», racconta Gianni, insegnante d’arte nelle scuole di queste vallate, che ha pedalato per ore, per arrivare in tempo. C’è chi è salito da Longarone: «L’anno prossimo aspetterò il Giro a casa: nel 2023 ci sarà quasi sicuramente una tappa da noi, nel sessantesimo del disastro del Vajont». Tifosi sono saliti da tutto il Veneto, terra di ciclismo: «Prendi questo, è sangue di Piave, ti aiuta nella salita», grida un appassionato di Conegliano a tutte le persone che passano in bicicletta, dirette al valico, prima della gara. 

DALL’ABRUZZO
E allunga a tutti un bicchiere di buon rosso, dolce e leggero. Ci sono i tifosi di Giulio Ciccone, arrivati dall’Abruzzo, con i loro arrosticini odorosi, che spandono fragranza nell’aria tersa che scende dal ghiacciaio della Marmolada: «Siamo venuti soltanto per questa tappa, ma naturalmente eravamo sul nostro Blockhaus. Abbiamo dormito qui ieri sera e ora torniamo a casa, felici per il terzo posto di oggi, che ci ha ripagato del lungo viaggio». Ci sono palloncini e bandierine, striscioni promozionali delle destinazioni di montagna, di queste valli, ci sono tutte le folcloristiche invenzioni. Un tifoso sale tutto il passo, sfiancato ma non domo, con un grande squalo di plastica sulla schiena: è soltanto uno degli infiniti omaggi a Vincenzo Nibali, che onora il suo ultimo Giro. Le radioline riportano la notizia di Alessandro Covi scappato sul Pordoi; i televisori mostrano immagini che emozionano. La gente applaude il primo, ma si commuove per Nibali. Una famiglia sventola la bandiera dell’Ecuador: padre, madre e un ragazzo credono nell’impresa del loro Richard Carapaz, surclassato dalla pedalata mulinante di Jai Hindley. Se l’australiano vincerà il Giro si accoderà al suo conterraneo Cadel Evans, trionfatore al Tour, che è di casa nella vicina Cortina.

Ultimo aggiornamento: 08:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci