Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Denis, il pizzaiolo di montagna che ha conquistato anche Milano

Lunedì 1 Agosto 2022 di C.D.M.
Denis Lovatel e la sua pizza
1

ALANO DI PIAVE - Ha aperto la sua prima pizzeria a Milano, dove ha portato la sua pizza di montagna, una bella sfida davvero, con l'idea, oltretutto, di diventare un punto di riferimento per la pizza croccante, in una città che da una parte vanta enormi potenzialità dall'altra rischia di stritolarti, vista la incredibile concorrenza. Ebbene, Denis Lovatel da Alano di Piave (Bl), sembrerebbe essere partito con il piede giusto, oltre le miglior aspettative. Almeno a giudicare dai riconoscimenti ricevuti qualche giorno fa, a Napoli, nel corso della premiazione della guida online 50 Top Pizza.
A partire dalla Performance dell'Anno 2022, visto che a soli due mesi dall'apertura, Denis irrompe in guida direttamente al 24. posto. E, come se non bastasse, replica il riconoscimento Forno Verde, che riflette una spiccata attenzione all'ecosostenibilità nei diversi ambiti - locale, lavoratori, reperimento delle materie prime - su cui una pizzeria lavora, già vinto l'anno scorso per la sua storica insegna di Alano (da Ezio) e che, in questo caso, diventa ancora più eccezionale, trattandosi della prima pizzeria a Milano ad essere riconosciuta Forno Verde, assieme ad altre sette insegne in Italia.

IL GIUDIZIO
Scrive la guida, curata da Luciano Pignataro, Albert Sapere e Barbara Guerra: «Denis Lovatel porta la sua pizza di montagna a Milano, e l'esperienza è croccante almeno quanto l'impasto dei suoi capolavori. Un po' perché il (curatissimo e riuscitissimo) design del locale permette ai clienti di passare dalla chiassosa movida della zona di Moscova al calore intimo di una baita chic...Un po' perché il menù delle pizze è un trattato di creatività a base di formaggi erborinati, erbe selvatiche, patate arrostite, davanti al quale l'unico rammarico è quello di non poter ordinare un assaggio di tutto. La prestigiosa carta dei vini e un menù di dolci per-appagante completano l'offerta di una delle nuove aperture meneghine più interessanti dell'anno». Felicissimo, ovviamente, Lovatel: «È una grande gratificazione per tutto il lavoro fatto, iniziato molto prima rispetto all'apertura. Per mesi lo staff di Denis è stato Da Ezio, la mia pizzeria ad Alano di Piave, ad apprendere la nostra filosofia. Così abbiamo creato i presupposti per consentire a Denis di aprire. Siamo fieri di vedere che la nostra proposta piace anche a Milano, città creativa, aperta ma anche molto esigente».
La guida online 50 Top Pizza ha premiato per il secondo anno di fila I Masanielli di Caserta come miglior pizzeria d'Italia. Quanto al Veneto, nella Top 100 comanda I Tigli di Simone Padoan, capofila in regione con uno straordinario quarto posto, Grigoris di Mestre è al 41., seguito da Gigi Pipa ad Este (43., anche per lui il premio Forno Verde), da Guglielmo & Enrico Volo a Verona (50.) e Mama di Lendinara (96.).
 

Ultimo aggiornamento: 17:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA