Luoghi del Papa: 1,8 milioni di euro a Canale d'Agordo per la prima latteria cooperativa d'Italia

Giovedì 10 Febbraio 2022 di Dario Fontanive
Cantieri della cultura nel paese di papa Luciani

CANALE - La visita a Roma di novembre del sindaco di Canale Flavio Colcergnan e del direttore del museo Albino Luciani, Loris Serafini, ha dato i suoi frutti. Incontrarono il Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo Dario Franceschini, visita ottenuta grazie all’interessamento del deputato bellunese Roger De Menech, per perorare la causa della beatificazione di “Papa Luciani”. Ebbene il progetto che è stato presentato al ministro Franceschini è stato finanziato con un milione e ottocentomila euro. Il finanziamento deciso dal ministero è uno dei trentotto previsti in tutta Italia per il piano strategico “Grandi Progetti Beni Culturali” con un investimento complessivo di 200 milioni di euro. Il piano ha ricevuto oggi il parere favorevole della Conferenza Unificata Stato-Regioni dopo il passaggio in Consiglio Superiore dei beni Culturali. «Trentotto interventi strategici, diffusi in tutta Italia, e tre nuove acquisizioni che confermano la centralità della cultura nell’azione di politica economica del governo», commenta il ministro della cultura, Dario Franceschini.

IL PROGETTO
Quando nell’ottobre scorso il Vaticano a reso ufficiale la beatificazione di papa Giovanni Paolo I, che si terrà a Roma il 4 settembre prossimo, l’Amministrazione comunale del sindaco Flavio Colcergnan ha pigiato il piede sull’acceleratore per cercare di preparare il paese natale di Canale a questo evento. E per far questo si è messa subito a caccia di risorse economiche necessarie per preparare questo evento così importante. Da qui la necessità di poter presentare al ministro Franceschini un progetto importante e credibile che potesse essere finanziato. Per questo è stato interessato lo stesso direttore del museo “Papa Luciani”, Loris Serafini di redigerlo incentrandolo sui luoghi più significativi che a Canale parlano ancora di “Papa Luciani”. Un percorso culturale e storico importante che è stato recepito e finanziato completamente. 

LE REAZIONI
«Un investimento che rafforza l’aspetto culturale oltre che turistico del comune di nascita di Papa Giovanni Paolo I- afferma De Menech - e inserisce il nostro territorio in una rete di interventi strategici in tutta Italia cogliendo l’occasione unica della beatificazione». In questo quadro Canale ha le potenzialità di diventare un fulcro e un punto di attrazione per tutto il Veneto raccontando la vita e le opere di Papa Luciani. Il percorso – arricchito da una serie di proposte coinvolgenti luoghi significativi della valle del Biois – potrà diventare un’importante offerta culturale per visitatori, pellegrini e turisti che raggiungeranno l’antico centro della valle in occasione della beatificazione del Papa.

GLI INTERVENTI
Oggetto primario dell’intervento è il recupero della prima latteria cooperativa istituita in Italia nel 1872, ad opera dell’arciprete di Canale don Antonio Della Lucia (1824-1906), formatore degli educatori di Papa Luciani. L’edificio è posto al centro del percorso che pellegrini e turisti compiono per visitare i luoghi di Papa Giovanni Paolo I, essendo collocato tra la Casa natale del pontefice, la chiesa parrocchiale e la Casa delle Regole, storico edificio seicentesco ricco di affreschi nel centro storico di Canale. La ristrutturazione dello stabile permetterà di far comprendere l’importanza del movimento cooperativistico e la figura del suo fondatore, il cavalier don Antonio Della Lucia. 

Ultimo aggiornamento: 16:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci