Sabato 8 Dicembre 2018, 12:42

Il giro del mondo in sella a una motocicletta: «Sette mesi d'avventura»

Paolo De Dea e la sia Bmw

di Alessia Trentin

BELLUNO - Giro del mondo andata e ritorno, Paolo De Dea è tornato. Dopo sette mesi a zonzo per il globo in sella alla sua Bmw GS 1200, ieri alle 15.30 il proprietario dell'Excalibur noto nel web come cacciatore di avventure, ha fatto ritorno alla base. Con qualche cicatrice, quasi 68 mila km in più sulla moto e tante storie da raccontare. Come quando in Pakistan ha girato scortato dalla polizia o come quando in India, in preda al mal di pancia, per giorni si è nutrito solo di banane. Ieri, al gruppo di amici e di collaboratori che l'hanno accolto festanti al locale, ha raccontato a spizzichi e bocconi l'avventura. Con l'entusiasmo di chi ce l'ha fatta e con la voglia di ripartire.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il giro del mondo in sella a una motocicletta: «Sette mesi d'avventura»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-12-08 13:50:58
Ieri, bazicolando nei pressi dello shuk dell'arcellistan, ho buttato l'occhio su una offerta: Canada x 6000 euro - con quel budget faccio il giro del mondo, divertendomi un sacco. Saludos y abrazos :))
2018-12-08 13:26:00
per conto mio l'unica cosa che dovrebbe mostrare sono i calli al fondoschiena. questo non è turismo, il vero turista gira con interesse e non solo per dire sono andato da qua a là.