Olimpiadi Milano-Cortina, Mattarella riceve la delegazione. Zaia: «Poteri sul modello del ponte Morandi»

Giovedì 17 Giugno 2021
La delegazione per le Olimpiadi Milano-Cortina ricevuta oggi al Quirinale del presidente Mattarella

ROMA - Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto nel pomeriggio di oggi, 17 giugno, al Quirinale una delegazione del Comitato organizzatore delle Olimpiadi invernali «Milano - Cortina 2026», guidata dal Presidente del Coni, Giovanni Malagò e dal presidente del Comitato Italiano Paralimpico, Luca Pancalli.

La delegazione

Ne fanno parte anche il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, il Presidente della Provincia Autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, il Presidente della Provincia Autonoma di Bolzano, Arno Kompatscher, il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, il sindaco di Cortina d'Ampezzo, Gianpietro Ghedina, l'amministratore Delegato della Fondazione Milano - Cortina 2026, Vincenzo Novari e la Project Manager, Milano - Cortina 2026, Diana Bianchedi. Era presente la sottosegretaria di Stato con delega allo Sport, Valentina Vezzali.

Zaia e il modello Morandi

«Per fare le opere è fondamentale che ci siano poteri straordinari con il modello-Morandi. Con tutti i controlli del caso e le verifiche, chiaramente. Le priorità sono le opere sportive nelle diverse venues ma anche tutte le infrastrutture in generale. Dobbiamo essere pronti perché sarà un bel biglietto da visita per il Paese a livello internazionale». Lo ha detto il governatore della Regione Veneto, Luca Zaia, dopo l'incontro al Quirinale.

«Mattarella è disponibile, ha ricordato quei giorni di due anni fa e ci ha dichiarato la totale e piena disponibilità ad accompagnare il processo - ha proseguito Zaia - La pista di Bob è parte integrante del dossier, approvato con quella pista. Sarà nostra cura farne tutte le verifiche sulla sostenibilità economico-finanziaria oltre che sportiva. L'ultima cosa che vogliamo è realizzare una cattedrale nel deserto. Per ora resta nel dossier».

Il sindaco Ghedina

Al termine dell'incontro, ha parlato anche il sindaco di Cortina, Gianpietro Ghedina: «Oggi è stata una giornata importante da Mattarella. I tempi stringono, è stata un'occasione per ricordare al Presidente che c'è fretta e quindi tutto l'iter amministrativo deve seguire procedure velocizzate, oggi è per questo che siamo qui a Roma». In calendario, anche la realizzazione del Museo Olimpico di Cortina: «Avremo per la seconda volta dopo 70 anni le Olimpiadi a Cortina e per il 2026 vediamo come una grande opportunità quella di fare il museo olimpico dove concentrare tutta una serie di importanti attività e strutture che abbiamo sul territorio», ha concluso Ghedina.

Ultimo aggiornamento: 18:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA