Domenica 22 Luglio 2018, 22:31

Turista disabile sale in auto alla malga
con l'autorizzazione: multata dal vigile

PER APPROFONDIRE: comelico, disabile, multa, valvisdende, vigile
Turista disabile sale in auto alla malga  con l'autorizzazione: multata dal vigile

di di Lucio Eicher Clere

COMELICO - In Val Visdende è iniziata la stagione delle multe da 200 euro. Dopo l’ordinanza di limitazione del traffico, con biglietto d’ingresso incassato da dipendenti delle Regole, è iniziata anche una vigilanza stretta intesa a colpire gli automobilisti indisciplinati che parcheggiano fuori dalle aree segnalate in varie località della vallata o oltre i limiti del transito consentito nelle varie borgate di Visdende. 
LA SORVEGLIANZA
I Comuni di San Pietro e Santo Stefano, che hanno delegato le Regole a incassare i proventi dei parcheggi, hanno assunto un vigile, a cui è stato affidato il compito di sorvegliare e multare chi parcheggia fuori posto o percorre le strade silvo-pastorali senza permesso. Nei giorni scorsi si sono verificate le prime mazzate per alcuni malcapitati turisti, inoltratisi sulle strade che salgono verso le malghe. Come un segugio, il vigile urbano “in prestito” ai due Comuni, ha seguito i trasgressori e li ha “incastrati” con una sanzione di notevole gravame sulle tasche di chi sta cercando di godersi qualche giornata di ferie in montagna: 216 euro. 
IL CASO
Ma la solerzia del vigile di Visdende ha colpito anche una anziana disabile, che aveva chiesto, pagando il biglietto d’ingresso, se le fosse stato consentito di raggiungere la Malga Dignas per acquistare prodotti caseari e godersi un po’ di frescura d’alta quota. I ragazzi addetti al controllo d’ingresso le avevano risposto che questo percorso le era consentito. Ma per maggiore tranquillità la signora aveva anche telefonato al gestore di Malga Dignas, che la invitava a salire senza problemi. La donna, residente in provincia di Venezia è sofferente di scoliosi ed è costretta a portare un busto, che non le consente di deambulare facilmente. Tanto meno fare percorsi in salita. Il gruppo di amici, con i quali era salita in Val Visdende, avevano deciso di salire a Malga Dignas a piedi e lei avrebbe desiderato condividere con loro un pomeriggio in malga, salendo in auto. Ma al bivio dove inizia la salita c’era il vigile in attesa di multare i trasgressori. A nulla è valso spiegare le proprie condizioni di salute e l’assenso datole dai ragazzi della sbarra d’ingresso e dal gestore della malga. 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Turista disabile sale in auto alla malga
con l'autorizzazione: multata dal vigile
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 26 commenti presenti
2018-07-25 10:50:36
Ormai nin c'e' piu speranza...fouri di melona..la logica non esiste piu'...se era un africano, il vigile l'avrebbe portato in spalla fino alla baita!
2018-07-23 23:26:50
E' assunto a percentuale (delle cifre che emette)
2018-07-23 22:37:02
ma la signora aveva il contrassegno disabili a lei intestato? dal racconto non mi sembra. si capisce solo che ha chiesto ai ragazzi ed al gestore della malga. i quali ovviamente avranno pensato che se uno ti dice che sei disabile avrai anche il permesso dei disabili. bene ha fatto il vigile a multarla. che faccia ricorso voglio proprio vedere se il giudice gliela toglie la multa.
2018-07-25 14:08:58
No, la signora NON aveva il contrassegno. Solo la sua parola. Che , in questi casi, non basta. Per cui, tanto rumore per nulla!!!
2018-07-23 19:31:02
... ma quale dio, o deo. questa è solo malattia della coppola.. metti una coppola all'uomo più piccolo della terra e ne farai un napoleone.. se manca " l'uomo " nn c'è legge che tenga..